Mercoledì 13 Novembre, 8:21
Utenti online: 25
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Giornalista

Media Day FISI in Val Senales: la parola agli azzurri a poco più di due settimane da Solden

L'Italia per le gare maschili di Coppa del Mondo di Val d'Isère

Slalomgigantisti al rifugio Grawand per lanciare la nuova stagione: tutti pensano già all'opening sul Rettenbach...

La FISI ha scelto nuovamente la Val Senales per il “Media Day” che ha aperto l'annata 2019/2020 degli azzurri dello sci.

A poco più di due settimane dai giganti di Solden, l'occasione è stata ideale per presentare il rinnovo della collaborazione per altri tre anni fra Funivie Ghiacciai Val Senales SPA, rappresentata dal direttore Thomas Stecher, e la Federazione con il direttore sportivo Max Rinaldi, affiancato da Manfred Moelgg, Luca De Aliprandini, Riccardo Tonetti e Alex Vinatzer, tra gli attesi protagonisti della prima sull'Oetztal.

Siamo felici di rinnovare questa collaborazione con la Federazione, rivelatasi vincente sin dai primi anni - le parole di Stecher - Per altre tre stagioni avremo la possibilità di lavorare con le squadre di Coppa del Mondo, si tratta di un investimento in cui crediamo moltissimo. Disponiamo di 15 piste fra gigante e slalom molto utili per la preparazione, il nostro ghiacciaio è in condizioni migliori rispetto al passato e sono già tre settimane che lavoriamo a buon regime”.

Il ds azzurro Max Rinaldi ha voluto personalmente verificare la bontà della preparazione dei tracciati: “Ringraziamo Val Senales perchè nelle prossime settimane ci metterà a disposizione piste ottime, per mantenere il buon livello raggiunto in Argentina e consolidare la condizioni in vista degli appuntamenti di Coppa del Mondo. Dalla prossima settimana saranno ben dodici le nostre squadre nazionali che verranno qui, e anche la pista Leo Gurschler sta per essere completata nella parte finale. Non ci resta che cominciare”.

Manfred Moelgg è pronto ad affrontare l'ennesima annata di una grande carriera: “Sarà sicuramente una stagione particolare senza Marcel Hirscher e gli altri atleti che hanno abbandonato l'attività - ha detto il marebbano in conferenza stampa - Francamente non mi aspettavo il ritiro del campione austriaco, ma non cambierà molto per noi perchè la rosa dei pretendenti al podio in ciascuna gara è sempre molto ampia. Ho cambiato la preparazione rispetto agli anni scorsi, abbiamo uno staff tecnico diverso e anche nei materiali c'è qualche novità. Il mio obiettivo è recuperare competitività in gigante, si tratta di una specialità che mi permette di trovare un ritmo utile anche per lo slalom”.

Luca De Aliprandini è il migliore gigantista azzurro nelle liste di specialità e a Solden partirà nei 15: “Quando si avvicina l'esordio stagionale, l'attesa cresce perchè c'è tanta voglia di confrontarsi con il cronometro - confessa il trentino - e allenarsi in Val Senales è il segnale che siamo veramente vicini all'apertura della Coppa del Mondo. Qui troviamo riferimenti importanti perchè le pendenze sono accentuate e possiamo affinare gli ultimi dettagli”.

Riccardo Tonetti gioca in casa: “E' un ghiacciaio che conosco perfettamente sin da quando ero bambino, perchè venivo ad allenarmi con lo sci club. Sono diventato sciatore grazie alla Val Senales, parto da una base buona derivante dai risultati dell'anno scorso, un bronzo nel team event e un quarto posto in combinata ai Mondiali mi hanno fatto capire tante cose, poi un infortunio sul finire mi ha bloccato. Sono pronto a riprendere da capo, l'obiettivo è quello di essere competitivo in tre specialità”.

Infine Alex Vinatzer, il classe '99 atteso a nuove conferme dopo le belle cose mostrate nel suo primo vero anno in Coppa del Mondo: “Archivio un 2019 ricco di soddisfazioni, ma adesso si riparte da zero - l'analisi dello slalomista gardenese - Ho trovato condizioni buone durante il raduno in Argentina, il primo obiettivo è andare forte a Levi perchè piazzare subito dei buoni colpi ad inizio anno ti può regalare grande entusiasmo. Nel mio calendario inseriremo anche il gigante, ma senza fretta, partendo dalla Coppa Europa per migliorare il pettorale di partenza. Sono sicuro che l'arrivo di Jacques Theolier alla guida dello slalom mi farà compiere un ulteriore salto di qualità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA