Martedì 21 Novembre, 15:07
Utenti online: 1324
Jacopo Barbieri
Jacopo Barbieri

foto di Getty Images

Dominik Paris si ripete sulla Streif: sua la Discesa di Kitzbühel!

Dominik Paris si ripete sulla Streif: sua la Discesa di Kitzbühel!

Sole, ghiaccio e folla oceanica. Tutti i migliori ingredienti hanno consentito di assistere sulla Streif ad uno spettacolo fantastico su quella che già di suo è la pista più affascinante del mondo. E a rendere particolarmente memorabile questa edizione della Discesa di Kitzbühel ci pensa Dominik Paris, che conquista la vittoria davanti ai francesi Valentin Giraud moine e Johan Clarey.

Sulla Streif Dominik Paris ha sempre dimostrato di saperci fare. Nel 2013 vinse la Discesa, nel 2015 fu primo in SuperG e secondo in Discesa. Oggi l’altoatesino diventa il primo italiano ad imporsi per 2 volte nella gara più importante della Coppa del Mondo, conquistando la vittoria numero 7 in assoluto, la prima stagionale. Paris rischia qualcosa commettendo un banale errore sull’Oberhausberg che gli fa perdere qualche centesimo, non sufficiente tuttavia a privarlo del successo.

Per l’Italia stava per arrivare una clamorosa doppietta. Dopo la discesa di tutti i migliori, secondo era infatti Peter Fill, autore di una gara priva di errori e vicinissimo ad un altro podio dopo la vittoria di dodici mesi fa. Tuttavia ci si mettono di mezzo i francesi che non ti aspetti: prima Johan Clarey, sceso con il numero 20, si inserisce fra i due azzurri; poi Valentin Giraud moine, pettorale 24, fa tremare anche Paris prima di finire basso sulla Querfhart e doversi accontentare di un comunque ottimo secondo posto.

Per Giraud Moine è il secondo podio in Coppa del Mondo: era infatti giunto sempre secondo, e sempre battuto da Paris, nella Discesa di Kvitfjell dello scorso marzo. Per Clarey è invece la top three numero 4, tutte ottenute in questa specialità, l’ultima il primo marzo 2014 a sua volta sulla pista che assegnò le medaglie olimpiche nel 1994.

Le prime tre posizioni odierne sono figlie anche di due episodi che hanno compromesso le prove di Hannes Reichelt e Beat Feuz. L’austriaco commette un grave errore alla Karussellcurve, senza il quale probabilmente avrebbe battuto anche Paris, che lo relega in nona posizione. Lo svizzero invece addirittura cade sulla Querfhart quando all’ultimo intermedio vantava 72 centesimi di vantaggio sull’azzurro. Fortunatamente nessun problema fisico per un ragazzo che di infortuni ne ha subiti sin troppi.

Quarto dunque Peter Fill, che per soli 7 centesimi non riesce a regalare il doppio podio all’Italia, evento accaduto nella Discesa di Kitzbühel soltanto nel 1974 quando Giuliano Besson e Stefano Anzi furono secondi a pari merito dietro a Roland Collombin. Quinto è invece Carlo Janka, sesto Erik Guay, settimo Adrien Theaux e decimo Steven Nyman.

In mezzo, il già citato Reichelt nono ed il vincitore di ieri, Matthias Mayer, ottavo. Mai il migliore di casa Austria era finito così indietro in una gara, la Discesa di Kitzbühel, che per i padroni di casa vale più di un Mondiale e, forse, di un'Olimpiade.

Per quanto riguarda gli altri azzurri, Christof Innerhofer sbaglia l’uscita della Steilhang, finendo per diversi metri con lo sci esterno lungo i teli che coprono le reti e terminando di conseguenza diciassettesimo. Buon ventunesimo posto invece per Mattia Casse, mentre Emanuele Buzzi, Paolo Pangrazzi ed Henri Battilani finiscono fuori dai 30. 

Nella classifica generale di Coppa del Mondo non cambia nulla, con Marcel Hirscher sempre saldamente al comando con 980 punti seguito da Henrik Kristoffersen a 692 e da Alexis Pinturault a 655. Nonostante il risultato odierno, il migliore italiano resta Manfred Mölgg, sesto con 428 punti.

Cambia invece la classifica di specialità di Discesa: Paris infatti diventa pettorale rosso con 142 punti contro i 140 di Aksel Lund Svindal, la cui stagione è già finita, e i 139 di Peter Fill.

DISCESA MASCHILE KITZBÜHEL – CLASSIFICA FINALE
1. PARIS Dominik (ITA) 1:55.01
2. GIRAUD MOINE Valentin (FRA) +0.21
3. CLAREY Johan (FRA) +0.33
4. FILL Peter (ITA) +0.40
5. JANKA Carlo (SUI) +0.44

Clicca qui per la classifica completa

Domani il 77esimo trofeo dell’Hahnenkamm si concluderà con lo Slalom sulla Ganslernhang.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA