Questo sito contribuisce alla audience de

Sci mercato: c'è Livio Magoni per la Slovenia, contatto tra Paolo Deflorian e il Team Vlhova

Foto di Redazione
Info foto

2020 Getty Images

Sci Alpinosci mercato

Sci mercato: c'è Livio Magoni per la Slovenia, contatto tra Paolo Deflorian e il Team Vlhova

Il tecnico bergamasco verso la guida di Meta Hrovat (ma non solo), mentre il cuneese potrebbe anche lasciare la nazionale azzurra femminile.

Tempo di sci mercato “rovente” e giorni decisivi su vari fronti, soprattutto per quanto riguarda la direzione tecnica di vari team nazionali.

Si attende la decisione di Livio Magoni in merito al suo futuro, dopo la separazione con Petra Vlhova: il tecnico di Selvino, con la seconda Coppa del Mondo generale conquistata, ripartirà da un progetto nuovo ed è decisamente vicino all'accordo con la Slovenia. Meta Hrovat è il gioiellino sulla quale lavorare come fatto (con le dovute differenze) con la stessa Vlhova, ma probabilmente non c'è solo la classe '98 nell'idea di team gestito, se tutto andrà in porto, da Magoni.

E a proposito di Petra Vlhova, chiaramente il faro di questa primavera trattandosi della detentrice della sfera di cristallo, ai nomi già noti e contattati da papà Igor e dal team, si aggiunge quello di Paolo Deflorian. Sì, il tecnico cuneese potrebbe anche lasciare il suo ruolo nel gruppo polivalenti (ma con tanto lavoro al fianco di Rulfi su Marta Bassino) della nazionale femminile, visto che l'occasione sarebbe unica.

Dopo la riunione della scorsa settimana in casa FISI, nella quale si sono messe sul tavolo (con la presenza delle stesse Bassino, Brignone e Goggia) tutte le dinamiche legate ai gruppi della nazionale rosa reduce da un'altra stagione da sogno, Deflorian sta valutando la possibilità del Team Vlhova, tra i candidati con Mauro Pini (in pole position ormai da un paio di settimane), Andrea Massi, Klaus Mayrhofer e lo stesso Ivan Ilanovsky, il primo tecnico di Petra ad alti livelli ma che rimane un'opzione molto lontana.

Deflorian, lo ricordiamo, ha lavorato in azzurro anche col gruppo delle discipline tecniche, maturando un'esperienza di grande qualità dopo aver affrontato la prima grande avventura all'estero con la nazionale canadese maschile, assieme a Max Carca, con il primo incarico a livello senior che arrivò già nel 2009 in casa Italia, al fianco di Stefano Costazza come aiuto allenatore per 4 anni della stessa nazionale femminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
104
Consensi sui social