Questo sito contribuisce alla audience de

Irene Curtoni alla guida delle ragazzine terribili: almeno un altro anno in pista da capitana

Foto di Redazione
Info foto

2020 Getty Images

Sci Alpinocasa italia

Irene Curtoni alla guida delle ragazzine terribili: almeno un altro anno in pista da capitana

La valtellinese ha deciso di continuare la carriera e i primi confronti con Peterlini, Rossetti e Della Mea cominceranno già allo Stelvio.

Con i ritiri di Elena Fanchini e Hanna Schnarf, è diventata a tutti gli effetti la veterana della nazionale azzurra. Trentacinque anni da compiere il prossimo 11 agosto, Irene Curtoni ha ancora tutta l'intenzione di dimostrare di avere qualche cartuccia da sparare nell'ambito dello slalom mondiale.

D'altronde, rimane lei il riferimento all'intero della nazionale, l'unica tra le top 15 mondiali (virtualmente 12esima in WCSL, con buon margine per rimanere nel secondo sotto gruppo) anche se la crescita delle giovani, finalmente arrivata nel corso della passata stagione, ha aperto un nuovo corso agli ordini del capo allenatore Matteo Guadagnini. Dopo aver paventato il possibile ritiro già a partire dal 2019, la più esperta delle sorelle Curtoni (che ha avuto la gioia di festeggiare Elena vincente per la prima volta in carriera, lo scorso gennaio in discesa a Bansko) comincerà ufficialmente una nuova avventura nella prima settimana di giugno, guidando il gruppo di slalom nel raduno al Passo dello Stelvio.

Irene forma il quartetto di Coppa del Mondo assieme a Martina Peterlini, Marta Rossetti e Lara Della Mea (la tarvisiana è l'unica fuori dalle 30 dopo una stagione non semplice, ma parliamo pur sempre di una classe '99), per un primo lavoro sulla neve che durerà sino al 12 giugno.

Cosa potremo aspettarci dalla valtellinese nell'annata 2020/21? La costanza di rendimento, risolti in parte i problemi alla schiena che l'avevano condizionata la stagione precedente, non è mai mancata nel 2019/2020, con una Curtoni quasi sempre in zona top 15, anche se il picco è arrivato solo con un 10° posto nel secondo slalom in programma, quello di Killington. La volontà è quella di chiudere bene, dopo una mini coppa (sole 6 gare disputate) che ha perso le ultime tre gare di specialità, ma l'eventuale spostamento dei Mondiali di Cortina al 2022, chissà che non possano ulteriormente rinviare l'appuntamento con il fine carriera alla stagione olimpica.

Irene si allena e lascia ogni porta aperta...

© RIPRODUZIONE RISERVATA
530
Consensi sui social

Approfondimenti

Stelvio
Stelvio COMPRENSORIO

Stelvio

Passo dello Stelvio