Martedì 18 Dicembre, 22:06
Utenti online: 2175

Seattle e l'hockey: un po' di storia

Seattle e l'hockey: un po' di storia

Ieri è giunta l'ufficialità sull'ingresso della città di Seattle in NHL dalla stagione 2021/2022. Non si tratta però di una novità assoluta, ma di un gradito ritorno nell'hockey che conta, dopo oltre un secolo di assenza.

Nonostante questa lunghissima assenza (97 anni!), Seattle può vantare nobili e antichissime radici hockeystiche: i Seattle Metropolitans, infatti, sono stati la prima squadra americana ad avere inciso il proprio nome sulla StanleyCup.

I Metropolitans sono stati una franchigia esistita dal 1915 al 1924, impegnata nel campionato PCHA (Pacific Coast Hockey Association), uno dei tre grandi campionati con la WCHL (Western Canada Hockey League) e la NHA (National Hockey Association), divenuta dal 1917 l’attuale NHL.

- Facevano parte della PCHA i Portland Rosebuds, i Seattle Metropolitans, i Vancouver Millionaires, gli Spokane Canaries e i Victoria Aristocrats;

- La NHA/NHL era composta da Montreal Canadiens, Montreal Wanderers, Ottawa Senators, Quebec Bulldogs e Toronto;

- In WHL, giocavano i Calgary Tigers, gli Edmonton Eskimos, i Regina Capitals e gli Saskatoon Sheiks.

 I vincitori delle tre Leghe, nelle prime decadi del ‘900, si sono affrontate tra loro nei playoff per decidere il vincitore della Stanley Cup.

È proprio in questi primi anni che i Seattle Metropolitans si sono imposti come una delle squadre dominatrici dell’epoca, con la vittoria della Stanley Cup 1917 per 3 partite a 1 contro i Canadiens, e con altre due partecipazioni alla finale nel 1919, ancora contro Montreal (annullata a causa dell’epidemia di influenza spagnola) e nel 1920 contro gli Ottawa Senators.

 

 

Con la vittoria del 1917, come detto, i Metropolitans sono diventati il primo team americano a conquistare la Stanley Cup, interrompendo l’egemonia delle canadesi durata dal 1893. Sarebbero occorsi altri 11 anni prima che un team americano riuscisse di nuovo a vincere la Coppa (con i NY Rangers nel 1928).

Negli anni successivi, a causa della crescita della WCHL a discapito della PCHA, quest’ultima scomparve e con lei anche i Seattle Metropolitans: il Presidente, infatti, non volle trasferire la squadra in WCHL (come invece fatto dai Vancouver Millionaires e i Victoria Aristocrats) lasciando così morire la squadra.

Nel corso della press conference tenutasi ieri a valle della votazione con cui la NHL Board of Governors ha accolto ufficialmente Seattle in NHL, i proprietari hanno riferito di non aver ancora deciso quale sarà il nome della nuova squadra ma che questo sarà deciso dopo aver interpellato i tifosi.

Come già successo con la rinascita degli Ottawa Senators nel 1992, sarebbe certamente romantico poter rivedere sul ghiaccio gli storici Seattle Metropolitans

 

 

In collaborazione con la pagina Facebook Nhl Italia, la community italiana sul campionato di hockey più emozionante del mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA