Questo sito contribuisce alla audience de

Italhockey verso Riga per giocarsi il pass olimpico; sconfitta nell'ultimo test contro l'Austria

Foto di Redazione
Info foto

FISG

Hockeynazionale azzurra

Italhockey verso Riga per giocarsi il pass olimpico; sconfitta nell'ultimo test contro l'Austria

A Vienna finisce 4-1, dal 26 agosto azzurri impegnati nel torneo di qualificazione che assegna i biglietti per Pechino 2022.

Un ko nell'ultimo test, andato in scena a Vienna contro i padroni di casa dell'Austria.

La nazionale italiana di hockey su ghiaccio cede 4-1 ai biancorossi nell'amichevole che precede il viaggio verso Riga, dove da giovedì 26 a domenica 29 agosto, gli azzurri saranno impegnati nel torneo di qualificazione olimpica, contro Lettonia, Francia e Ungheria, pensando a Pechino 2022. Un risultato troppo ampio per quello che si è visto in pista dove, soprattutto in situazione di 5 contro 5, l'Italia ha giocato meglio degli avversari per lunghi tratti del match.

Coach Greg Ireland rinuncia ad Andergassen, la “C” di capitano è sul petto di Daniel Frank, e l'inizio degli azzurri è più che promettente. Bastano meno di 5 minuti, infatti, ad Alex Petan per sbloccare il risultato: un vantaggio meritato per una nazionale più attiva e propositiva, che però si complica la vita poco più tardi. Frigo si fa spedire per 5' in panca puniti, e la lunga superiorità numerica è concretizzata dal giovanissimo talento austriaco Marco Rossi che trafigge Bernard. Con il passare dei minuti gli azzurri rialzano la testa e creano più di un grattacapo alla difesa dei padroni di casa, sfruttando soprattutto una serie di rapide ripartenze.

Da segnalare un gol giustamente annullato all'Austria (la rete era di Zuendel) per precedente interferenza ai danni del portiere azzurro. Più Italia che Austria in avvio di secondo tempo, con un doppio lampo Frank-Petan che dà l'illusione di un gol che invece non arriva. I problemi principali gli azzurri sembrano averli in superiorità numerica, situazione che invece sorride ai padroni di casa, che pescano la deviazione vincente di Herburger per la rete del vantaggio. Nel finale di secondo tempo splendida iniziativa di Morini che legge bene il taglio di Trivellato: il 2-2 sfuma davvero di poco. Si riparte con un'Italia più intraprendente in fase offensiva, Morini ha il disco buono per il pareggio, mentre dalla parte opposta prosegue la sfida nella sfida fra Rossi e Bernard, con il goalie azzurro che chiude la porta a doppia mandata.

A 6 minuti dal termine l'assedio italiano alla gabbia di Kickert raggiunge il punto di massima pressione, ma la porta austriaca è davvero stregata. A far scorrere i titoli di coda, tanto per cambiare, ci pensano ancora una volta gli special-team: terzo gol in power-play per l'Austria e partita in ghiaccio, con il punteggio completato dal gol a porta vuota di Spannring.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Ricorre un anniversario meraviglioso per la Valanga Azzurra e un campione indimenticabile: al debutto assoluto in Coppa del Mondo, un 18enne piemontese scrive la storia vincendo il gigante del Critérium de la Première Neige, ripetendosi 9 giorni più tardi a Campiglio in slalom, di nuovo con un pettorale altissimo. Abbiamo raggiunto il campione olimpico per farci raccontare, 50 anni dopo, la genesi di quel giorno che darà il via ad una carriera formidabile: Ho capito di andar forte tre mesi prima allo Stelvio con Thoeni, ma non pensavo neppure lontanatamente di potermi giocare la vittoria. Neppure dopo quella 1^ manche....