Questo sito contribuisce alla audience de

Gabriella Papadakis - "Cerchiamo di creare qualcosa che possa essere sempre nuovo e sorprendente"

Gabriella Papadakis - 'Cerchiamo di creare qualcosa che possa essere sempre nuovo e sorprendente'
Figure skating - European Championships 2016

Gabriella Papadakis - "Cerchiamo di creare qualcosa che possa essere sempre nuovo e sorprendente"

I Campionati europei di Bratislava si sono conclusi con la danza libera, che si è rivelata fondamentale per assegnare l'ultimo titolo in palio. Il podio è stato monopolizzato da coppie che in passato avevano vinto la rassegna continentale. Per nessuna di loro si tratta di un punto di arrivo.

 

Guillaume CIZERON – “Penso che questa vittoria sia in qualche modo più sorprendente rispetto a quella dello scorso anno perché abbiamo dimostrato di poterci riuscire ancora. Durante la danza libera ci siamo sentiti alla grande ed il pubblico ha potuto vivere e godere il programma insieme a noi".

Gabriella PAPADAKIS – “Ovviamente, siamo molto felici della nostra partecipazione e siamo orgogliosi di essere riusciti a pattinare la danza libera meglio di quanto avviene in allenamento. La filosofia che sta dietro al nostro programma è quella di provare a creare qualcosa che possa essere ogni volta nuovo e sorprendente”.


Anna CAPPELLINI – “Penso che possiamo essere molto felici per la carriera che stiamo avendo. E’ qualcosa che abbiamo sempre sognato. Ogni volta che otteniamo un risultato come quello di oggi, abbiamo una conferma di ciò che possiamo fare e di quanto possiamo ancora realizzare. Tutto questo ci spinge a continuare per fare ancora meglio. Quella di Bratislava è stata un’esperienza fantastica e speriamo di poterne avere un altro paio. Riguardo la danza libera, abbiamo commesso piccole sbavature tecniche e sarà qualcosa su cui dovremo lavorare in futuro. Sicuramente, abbiamo lasciato diversi punti sul piatto. Quella di oggi non è stata una delle nostre migliori prestazioni. Considerando che ad inizio stagione abbiamo ottenuto punteggi più elevati, ritengo che ci sia spazio per migliorare”.

Luca LANOTTE – “Sento che abbiamo innalzato il livello della nostra prestazione e siamo riusciti ad instaurare un bel feeling con il pubblico, che è stato fantastico. Questo è per noi importante. E’ sempre un piacere esibirsi di fronte a persone che ti supportano per davvero durante la prova. Il nostro prossimo obiettivo sono i Mondiali di Boston e speriamo di poter lottare per una medaglia d’oro”.


Dmitri SOLOVIEV – “Non avevamo mai vinto  la medaglia di bronzo nei Campionati europei, finora solo oro e argento. Siamo veramente felici di essere saliti sul podio, ma non è stato per nulla facile. Prima della danza libera eravamo parecchio nervosi, ma siamo stati capaci di trovare la concentrazione ed eseguire tutto al meglio. Ci siamo guardati negli occhi l’uno con l’altro ed abbiamo capito che dovevamo supportarci a vicenda”.

Ekaterina BOBROVA – “Non posso nascondere che dopo una lunga pausa volevamo tornare a gareggiare, ma non è stato semplice. Abbiamo dovuto recuperare la gioia di pattinare, di tenerci per mano e di guardarci negli occhi. Partecipare al Grand Prix è stato un piacere e ancora di più raggiungere la finale. E’ stato bello anche vincere i Campionati nazionali e la cosa importante è che abbiamo continuato a lavorare sempre più duramente senza mai lamentarci. Ovviamente, vogliamo vincere. Non ci interessa arrivare quinti o sesti, ma in questo momento non stiamo pensando alle medaglie, ma solo alla gioia che deriva dal poter pattinare ancora insieme”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Più letti in Sport invernali

Innerhofer è davanti a Wengen, poi svizzeri scatenati e Feuz.. da paura. Prova tranquilla per Paris

Innerhofer è davanti a Wengen, poi svizzeri scatenati e Feuz.. da paura. Prova tranquilla per Paris

Il primo dei due training (senza Kriechmayr) vede Inner velocissimo sino all'ultimo intermedio, per poi concedere qualche decimo a Rogentin e al padrone del Lauberhorn, subito alle sue spalle. Lontani Casse e Marsaglia (ma con grave errore), ok il ritorno di Buzzi.