Questo sito contribuisce alla audience de

La Svizzera dice "no" alle Universiadi Invernali: non si gareggerà a Lucerna dal 21 al 31 gennaio 2021

Foto di Redazione
Info foto

Getty Images

Universiadiattualità

La Svizzera dice "no" alle Universiadi Invernali: non si gareggerà a Lucerna dal 21 al 31 gennaio 2021

Posticipata causa Covid la 30esima edizione di un appuntamento che difficilmente vedremo nel prossimo inverno. E anche l'ISU stravolge il calendario di speed skating e short track.

Sarà un inverno difficilissimo per tutte le discipline di neve e ghiaccio che stanno riprogrammando una stagione 2020/21 condizionata, come ormai è chiaro, dalla pandemia legata al Covid-19.

E' notizia di quest'oggi il posticipo, a data da destinarsi (ma pare davvero difficile pensare che si disputi nell'annata che verrà), delle Universiadi Invernali previste a Lucerna dal 21 al 31 gennaio 2021. Le restrizioni in territorio svizzero (come capitato di recente con la cancellazione dei campionati del mondo di ciclismo su strada) hanno portato FISU e comitato organizzatore di Swiss University Sports ad alzare bandiera bianca per una 30esima edizione che lo stesso amministratore delegato di Lucerna 2021, Urs Hunkeler, ha detto di voler salvare “esaminando altri periodi per riorganizzarla, in base anche alla disponibilità dei nostri partners”.

Dopo Krasnojarsk 2019 e in attesa di Lake Placid 2023, l'evento che coinvolge gli studenti delle università di tutto il mondo rimane sospeso in attesa di tempi migliori.

E' stata però anche la giornata di decisioni importanti in seno all'ISU: come riporta il collega Massimiliano Ambesi, l'International Skating Union ha cancellato le prime quattro tappe della Coppa del Mondo di speed skating, previste tra Polonia, Norvegia, Stati Uniti e Canada, oltre alle prime due del massimo circuito dello short track, entrambe in Canada. Nulla di certo in quest'ultimo caso per le gare di dicembre tra Corea e Cina, ma si ipotizza di disputare in autunno alcune tappe in Olanda, mantenendo gli atleti nella famosa “bolla” che, in parecchi casi, sembra essere ormai la sola salvezza dello sport di alto livello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
91
Consensi sui social