Sabato 24 Agosto, 17:29
Utenti online: 787
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

foto di 2019 Getty Images

Biathlon: Chevalier trascina la Francia al trionfo nella Staffetta Mista di Salt Lake City

Biathlon: Chevalier trascina la Francia al trionfo nella Staffetta Mista di Salt Lake City

Con una frazione conclusiva di alto livello la transalpina ha avuto la meglio della tedesca Vanessa Hinz e della norvegese Marte Olsbu Røiseland. Gara nelle retrovie per l'Italia. 

In prima frazione il norvegese Vetle Sjåstad Christiansen, reduce dal doppio podio Sprint-Inseguimento, si è portato in testa sin da subito a scandire il ritmo. Il gruppo si è così allungato ma la prima vera selezione è avvenuta al secondo poligono, dove Quentin Fillon Maillet ed Erik Lesser hanno fatto la differenza rispetto alla concorrenza, portandosi in fuga. Al primo cambio Francia e Germania sono quindi transitate in testa con 18” sulla Norvegia e 25” sulla Repubblica Ceca. L’Italia, in gara con Thomas Bormolini, è invece passata in 16a piazza a 1’54” dalla vetta.

Nel corso del primo giro della seconda frazione Johannes Thingnes Bø ha ricucito il gap con i due battistrada. Al comando si è così formato un terzetto, che ha condotto la gara fino al quarto poligono. Qui il norvegese ha impartito una lezione di tiro agli avversari, trovando lo “zero” rapido, che gli ha permesso di prendere il comando delle operazioni. Nella tornata conclusiva ha poi scatenato tutti i cavalli del suo motore e al secondo cambio ha rifilato ben 26” al francese Simon Desthieux e 38” al tedesco Benedikt Doll.  Dominik Windisch, dopo aver utilizzato due ricariche in piedi, è risalito in 12a posizione.

Tiril Eckhoff ha dilapidato tutto il vantaggio nella prima serie della terza frazione, nella quale ha dovuto utilizzare tre ricariche. Sulla scandinava si è quindi riportata Celia Aymonier, mentre Franziska Hildebrand con lo “zero” si è riportata a 20” dalle due battistrada. La francese ha poi commesso due errori in piedi ma è stata brava ad evitare il giro di penalità, che ha invece dovuto imboccare la norvegese. Dietro Hildebrand è stata nuovamente perfetta al tiro e nell’ultimo giro si è riportata sulla transalpina. A tre quarti di gara Francia e Germania sono passate dunque al comando con 18” sulla Norvegia.

Dopo un primo giro di studio, nel poligono a terra della frazione conclusiva, Anaïs Chevalier ha fatto la differenza al tiro rispetto a Vanessa Hinz. La francese ha così approcciato la seconda tornata con 13” di vantaggio sulla tedesca e 15” su Marte Olsbu Røiseland. Nella seconda tornata la norvegese ha incrementato il ritmo, ricucendo il gap con la leader della gara. Tutto si è quindi deciso all’ultimo poligono, dove Chevalier è stata ancora una volta perfetta. La scandinava è stata invece imprecisa e si è dovuta avviare verso l'anello di penalità. 

Nella tornata finale la francese ha potuto amministrare un buon vantaggio, chiudendo con 13" di margine su Vanessa Hinz. Piazza d'onore quindi per la Germania che ha preceduto la Norvegia 3a. E' finita invece ai piedi del podio la Svizzera. 11a piazza finale per l'Italia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA