Questo sito contribuisce alla audience de

L'ultimo sigillo di Martin Fourcade: vince l'Inseguimento ma la Coppa è di Boe

L'ultimo sigillo di Martin Fourcade: vince l'Inseguimento ma la Coppa è di Boe
BiathlonCoppa del Mondo

L'ultimo sigillo di Martin Fourcade: vince l'Inseguimento ma la Coppa è di Boe

Monsieur Le Biathlon, dopo aver annunciato nella serata di ieri il ritiro dalla scena agonistica, mette in scena una prestazione tutto cuore e testa per strappare l'ottava Coppa del Mondo ma deve accontentarsi di aggiungere nel palmares l'ultima vittoria.

Martin Fourcade, con tre errori, si presenta per l'ottantatreesima vittoria individuale sul traguardo dell'Inseguimento di Kontiolahti con 2.9 secondi di vantaggio sul compagno di squadra Quentin Fillon Maillet che si impone allo sprint su Emilien Jacquelin che conquista la Coppa del Mondo di specialità e su Johannes Boe al quale basta la quarta posizione per mettere le mani sulla seconda sfera di cristallo generale.

Johannes Boe parte con 22 secondi di vantaggio, incamerati nella Sprint, per la gara decisiva dove il quarto posto al traguardo gli garantirebbe in ogni caso la vittoria in classifica generale ma la coppia Fourcade - Jacquelin non si è ancora arresa. I due limano un paio di secondi nel primo giro e una decina al poligono dove i tre protagonisti marcano il 5/5 ma con tempi di rilascio molto diversi. 

L'aggancio arriva nella seconda sessiona a terra e mentre i francesi, ancora con il 100%, continuano la loro disfida di coppia, Johannes Boe compie un errore e si ritrova a inseguire a 22.7 secondi. Le insidie più pericolose per lui arrivano da Arnd Peiffer che con il 10/10 è a 35 secondi dal norvegese e da Quentin Fillon Maillet che, dopo una penalità al primo poligono, è a 40 secondi da Boe.

La missione impossibile del francese sembra destinata al successo all'uscita del primo poligono in piedi dove Fourcade e Jacquelin sbagliano una volta ma Boe paga tre giri e si ritrova in quinta posizione provvisoria a 1.07.8 dai transalpini; davanti a lui Fillon Maillet a 42.2 dai compagni di squadra, Peiffer a 1.05.0 e con lui lo svedese Ponsiluoma. 

Tutta una stagione si gioca all'ultimo poligono: Martin Fourcade sbaglia due volte ma mantiene 15 secondi di vantaggio su Jacquelin che gira tre volte, 21 su Fillon Maillet e 24 su Johannes Boe che difende la sua Coppa del Mondo con un decisivo 5/5. Monsieur Le Biathlon vola per l'ultima vittoria della sua carriera, mentre dietro i tre lottano per la Coppa di specialità. A Jacquelin basta il terzo posto per conquistarla a ventiquattro anni mentre sul secondo gradino del podio, per una tripletta francese, sale Fillon Maillet con Boe quarto che per due soli punti vince la sua seconda Coppa del Mondo.

Come i più grandi, Fourcade lascia con una vittoria in una stagione nella quale per soli due punti non ha vinto l'ottava Coppa del Mondo vincendo però le sfere di cristallo dell'Individuale e delle Sprint e i titoli mondiali della 20 km e della Staffetta.

Il migliore degli azzurri è Lukas Hofer che gareggia a tempo compensato per un problema al primo poligono ed è decimo a 42.0 con tre errri; Dominik Windisch con un errore è ventiduesimo a 1.34.3 mentre Thomas Bormolini, due errori, è ventiseiesimo a 2.04.0. Trentanovesima posizione per Tommaso Giacomel e cinquantunesima per Didier Bionaz.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
318
Consensi sui social

Inseguimento Maschile