Questo sito contribuisce alla audience de

Boe-Fourcade e Wierer-Eckhoff, un ultimo ballo da brividi (tra le polemiche) a Kontiolahti

eewepdpdde
Info foto

GETTY IMAGES +491728296845

Biathloncoppa del mondo

Boe-Fourcade e Wierer-Eckhoff, un ultimo ballo da brividi (tra le polemiche) a Kontiolahti

Oggi si conclude la stagione delle discipline invernali con le gare decisive per la Coppa del Mondo di biathlon. Alle 13.45 via all'Inseguimento maschile con il francese all'ultima recita della carriera, due ore più tardi Dorothea in cerca del miracolo per respingere la norvegese e firmare uno storico bis.

Un ultimo giorno di gare da brividi, per un finale della stagione invernale a tutti i livelli in una situazione paradossale, ma chiaramente ricca di polemiche nel mondo del biathlon.

Oggi a Kontiolahti si assegnano sia la Coppa del Mondo maschile che quella femminile, in bilico sino alle prove ad inseguimento che l'IBU ha scelto di far disputare, nonostante l'emergenza Coronavirus dilagante ormai anche in Finlandia. Non ci saranno gli slovacchi, così come già avevano rinunciato statunitensi, austriaci e tanti altri atleti; si correrà in un clima surreale, a partire dalle ore 13.45 con la prova maschile che sarà speciale anche per un altro motivo.

Sarà l'ultima gara della formidabile carriera di Martin Fourcade, alla ricerca di un'impresa quasi disperata per chiudere con quella che sarebbe l'ottava sfera di cristallo; difficilissimo toglierla dalle mani di Johannes Thingnes Boe, che difende 19 punti di margine e può permettersi di concludere anche in quarta piazza, partendo nettamente davanti a tutti in un Inseguimento che vedrà invece l'asso di origini pirenaiche scattare a poco più di 20 secondi dal grande rivale.

Tutta l'attenzione degli appassionati si sposterà poi su un altro duello (via alle ore 15.45), quello tra Dorothea Wierer e Tiril Eckhoff: la campionessa altoatesina ha soli 8 punti sulla norvegese e dovrà concludere subito alle sue spalle, se Eckhoff salirà sul podio, per firmare un leggendario bis dopo la Coppa del Mondo alzata al cielo 12 mesi fa a Oslo. Il problema è che la leader azzurra partirà dalla 19esima posizione e con ampio distacco da Herrmann, Preuss e dalla diretta rivale ieri terza e con 5 secondi di margine al via su Lisa Vittozzi, quarta nella sprint che determina l'ordine di partenza odierno.

Anche Doro avrà bisogno di una rimonta capolavoro per farcela, poi delle polemiche e dei veleni se ne riparlerà. Questo è certo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
119
Consensi sui social