Lunedì 20 Novembre, 8:32
Utenti online: 950
Massimo Brignolo
Massimo Brignolo

foto di Getty

Europei Biathlon: cavalcata trionfale della Russia nella Staffetta Mista

Europei Biathlon: cavalcata trionfale della Russia nella Staffetta Mista

La Russia che ha portato a Duszniki Zdroj uno squadrone degno della Coppa del Mondo chiude i Campionati Europei con sei vittorie su otto gare disputate.

La vittoria nella Staffetta Mista di Irina Starykh, Svetlana Sleptsova, Alexey Volkov e Alexander Loginov pareva scritta sulla vigilia e si è concretizzata come attraverso lo svolgersi di un copione già scritto. L'unica nota di suspence è nella prima frazione dove Irina Starykh si deve confrontare con il giovane talento ucraino Anastasiya Merkushina che all'uscita del secondo poligono, complice una ricarica utilizzata dalla russa si trova un vantaggio di 11 secondi sull'austriaca Rieder e su Starykh che nel giro prima del cambio stampa 20 secondi all'ucraina (e 40 alla Rieder). Svetlana Sleptsova non sbaglia mentre una fallosa Yuliia Dzhima mette insieme due errori a terra e un giro di penalità in piedi negando all'Ucraina la lotta per il primo posto. Dal secondo cambio la gara diventa una cavalcata russa dove a Alexei Volkov e a Alexander Loginov basta controllare la situazione al punto che neppure i tre errori a terra di Loginov aggiungono del pepe al finale.

Riflettori puntati sulla lotta decisamente più intensa per la piazza d'onore alla quale si candidano a metà gara la Svezia, seconda a 30" dalla Russia dopo le frazioni di Johanna SKottheim e Elisabeth Hoegberg, e con un distacco sui 50 secondi l'Ucraina e la Norvegia di Karoline Erdal e Marion Roenning Huber. La Svezia si autoesclude dalla sfida per il podio con la controprestazione di Tiio Soderheilm che in piedi incassa due giri di penalità dai quali gli svedesi, che chiuderanno al decimo posto non si riprendono. Nel testa a testa con Oleksander Zhyrny, il norvegese Elrend Bjoentegaard sembra avere la peggio per le quattro ricariche che raccoglie nei due poligoni ma mantiene la squadra a galla grazie a un portentoso ultimo giro dove recupera 25 secondi limando a soli 8" il distacco tra le due nazioni per l'ultima frazione.

La medaglia d'Argento se la giocano l'ucraino Ruslan Tkalenko e il norvegese Fredrik Gjesbaak con il nordico che fa la voce grossa sugli sci stretti e l'ucraino che riconquista ai due poligoni una manciata di secondi grazie al 100% opposto all'errore per sessione del norvegese. All'uscita dall'ultimo poligono l'Ucraina ha 6 secondi di vantaggio sulla Norvegia e li mantiene a un chilometro dal traguardo. Il recupero disperato di Gjesbaak porta al photofinish con secondo posto per la Norvegia e terzo per l'Ucraina.



Duszniki Zdroj - Campionati Europei - Staffetta Mista

1. RUS [Starykh, Sleptsova, Volkov, Loginov] (0+6) in 1.12.26.0
2. NOR [Erdal, Huber, Bjoentegaard, Gjesbakk] (0+9) a 36.4
3. UKR [Merkushyna, Dzhima, Zhyrnyi, Tkalenko] (1+6) a 37.1
4. BUL [Yordanova, Stoyanova, Gerdzhikov, Iliev] (0+11) a 1.16.4
5. CZE [Johanidesova, Jislova, Soukup, Kristejn] (0+11) a 1.17.4
6. GER [Horchler N., Horchler K., Rees, Nawrath] (1+11) a 1.39.7

Vai ai risultati completi





© RIPRODUZIONE RISERVATA