Martedì 21 Novembre, 9:08
Utenti online: 1071
Rino Galeno
Rino Galeno

I mondiali di Sci Alpino 2021 porteranno un rinnovamento degli impianti di Cortina

I mondiali di Sci Alpino 2021 porteranno un rinnovamento degli impianti di Cortina

I Mondiali di Sci Alpino del 2021 aprono per Cortina d'Ampezzo e le Dolomiti bellunesi un'opportunità di rinnovamento che la regina delle dolomiti attendeva da anni.  Massimizzare le occasioni per arrivare ad offrire al pubblico dei Mondiali un parco impianti al passo con i tempi, cercando di evitare gli sprechi nel rispetto dell'ambiente, richiede uno sforzo epico di collaborazione tra gli operatori privati e pubblici.  Riuscirà Cortina a vincere questa sfida?

Secondo quanto riportato dal quotidiano trentino Corriere delle Alpi,  la settimana prossima Andrea Vascellari, direttore della società Tofana Freccia nel Cielo, presenterà il piano di riqualificazione strutturale della stazione "Freccia nel Cielo".  Il progetto che ha già fatto un iter in Provincia e in Comune prevede la realizzazione di una cabinovia ad ammorsamento automatico con veicoli da 10 posti, denominata “Cortina – Col Drusciè”, in sostituzione del primo tronco dell’attuale funivia “Freccia nel Cielo”.   La partenza del nuovo impianto sarà in corrispondenza dello stadio Olimpico del ghiaccio, dove già oggi parte la funivia, e avrà una portata di 1.800 persone all’ora.

La ski area delle Tofane sarà il teatro principale dei Mondiali di Sci Alpino e quindi sarà l'area dove dovranno essere concentrati gli interventi.  Le piste “Col Drusciè A” e “Col Drusciè B” verranno rinnovate nei tracciati per renderle più adatte ad ospitare le gare di Slalom e gli allenamenti degli atleti. La realizzazione di una nuova pista intitolata ad Anton Sailer non verrà attiva poiché tale tracciato è risultato difficilmente manutenibile.

Sempre nella Ski Area Tofana è prevista una nuova pista “Intermedia – Stries”, raggiungibile dallo scalo della cabinovia, ed un tunnel per consentire l'attraversamento in sicurezza della strada per il lago Ghedina.

Prevista anche la risistemazione della pista Olympia, oggi utilizzata in Coppa del Mondo per le gare femminili e l'adeguamento delle piste Valon, Canalone, Vertigine bianca e Rumerlo per le gare maschili.
Piste da risistemare anche alle 5 Torri, dove si parla della costruzione di una cabinovia tra Son dei Prade e Bai de Dones.

MONDIALI GREEN. L’obiettivo già messo nero su bianco prevede che i mondiali siano una manifestazione «con forte attenzione all’impatto ambientale», portando su sistemi di trasporto ecocompatibili e una viabilità rispettosa dell’ambiente (anche se il treno delle Dolomiti proposto dal governatore Luca Zaia da Calalzo a Cortina e Dobbiaco non potrà essere pronto).

© RIPRODUZIONE RISERVATA