Questo sito contribuisce alla audience de

Appennino emiliano: verso una stagione sostenibile

Il monte Corno alle Scale
Appennini

Appennino emiliano: verso una stagione sostenibile

Un inizio di stagione sofferto per le località emiliano-romagnole: dopo il week-end di apertura ai primi di dicembre, un forte vento di libeccio ha letteralmente dimezzato il manto nevoso e in pochi giorni è stato polverizzato quasi un metro di neve. La condizioni climatiche hanno seriamente messo in difficoltà le località appenniniche, ma nei giorni seguenti il brusco calo delle temperature ha consentito di mettere in funzione gli impianti di innevamento artificiale e dal 18 dicembre sono state riaperte quasi tutte le piste.

Sebbene l'Appennino emiliano non goda sempre delle stesse condizioni meteo dell'arco alpino, si difende molto bene sotto il profilo della qualità delle piste e dei servizi offerti, tanto da essere stato in grado di sfornare campioni come Tomba e Razzoli. Per questi motivi la regione Emilia Romagna ha deciso di finanziare per l'80%, pari a circa 40.000 euro, un progetto presentato dall'Unione di Prodotto Appennino e Verde, mirato alla riduzione dei consumi energetici e all'incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili per una gestione più sostenibile degli impianti di risalita. Lo studio prevede un'analisi dettagliata dei costi energetici presso ciascuna stazione sciistica, per prevedere l'acquisto collettivo di carburanti e combustibili, un'analisi del territorio per individuare le aree più idonee che potranno essere adibite alla produzione di energia da fonti rinnovabili e la formulazione di accordi per il trasporto collettivo tra le diverse località.

Ma cosa ci attende per la stagione appena iniziata? Sicuramente prezzi invariati rispetto all'anno precedente. Nel comprensorio del Cimone (Mo) il giornaliero costa 32 euro nei giorni festivi e 26 euro nei feriali. Lo skipass stagionale costa 532 euro per gli adulti e 354 euro per i ragazzi. Skipass gratuito ai bambini (nati dopo il 2003) accompagnati ognuno da uno sciatore adulto pagante. Inoltre grazie a un accordo con la galleria Ferrari di Maranello, chi acquisterà lo stagionale avrà uno sconto di 2 euro sul biglietto d’ingresso al Museo del Cavallino Rampante. Per la prossima stagione invernale è confermato l'impegno a migliorare l'offerta per la pratica dello Snowboard e del Freestyle. In particolare sarà migliorato l'Half Pipe, verticalizzando le sponde attualmente poco inclinate e alzando il punto di partenza. E' previsto inoltre il miglioramento di tutte le altre strutture, posizionandone nuove anche per principianti. Impegno piu' continuo e sostanzioso per la gestione dello Snowpark in modo da renderlo agibile fin dalla mattinata. Saranno inoltre posizionate nuove strutture nelle piste basse in zona: Cimoncino, Lago della NInfa, Passo del Lupo e Polle per poterne usufruire anche quando lo Snowpark di Piancavallaro rimane chiuso per avverse condizioni atmosferiche. In zona Passo del Lupo sarà ampliata la parte finale della pista Sud Beccadella. Sarà costruito un nuovo Snow-cross in zona Colombaccio, mentre al Lago Ninfa verrà costruito il Terrain Park Lago Ninfa.

Al Corno alle Scale (Bo) lo skipass stagionale costerà 460 euro (giovani 270 e senior 340). Il festivo costerà 27 euro e il feriale 21 euro.Tra le novità della prossima stagione va segnalato che per avere informazioni dettagliate sulle piste bolognesi da quest'anno è possibile attivare il nuovo servizio di SMS gratuito che permetterà di ricevere il bollettino della neve in tempo reale sempre aggiornato direttamente sul proprio cellulare. Basterà inviare un SMS al numero 320 2043206 seguendo le indicazioni che potete trovare sul sito www.cornoallescale.net oppure attivare i servizi di twitter feed tramite il sito della società di gestione degli impianti del Corno alle Scale www.cornofun.com. 

A Cerreto Laghi (Re) dopo il successo dell’anno scorso, è stato confermato lo skipass valido tre giorni festivi: 70 euro. Invariato anche l’abbonamento per tre giorni feriali: 42 euro. Anche al Cerreto stesse tariffe di 12 mesi per gli altri skipass: si va dal festivo a 28 euro, al feriale a 20 euro. E ci sono anche i giovedì e martedì low cost a 15 euro (esclusi i periodi di festività natalizie e pasquali). Da quest'anno, con l'arrivo di nuovi gattisti e grazie ai lavori estivi di regimazione delle acque si confida in una battitura migliore e in una tenuta complessivamente più appropriata delle piste per tutta la stagione. E' stata inoltre istituita una nuova cassa presso il Bar il Portico: gli skipass potranno così essere acquistati anche la serata precedente.

2
Consensi sui social