Sabato 16 Novembre, 23:27
Utenti online: 421
Alessandro Genuzio
Alessandro Genuzio

foto di Facebook Ala di Stura Ski

Un incendio distrugge la seggiovia di Ala di Stura

Un incendio distrugge la seggiova di Ala di Stura

Un incendio molto probabilmente di origine dolosa, ieri mattina all'alba ha distrutto la biglietteria e la nuova sala comandi della seggiova che sale fino a Pian Belfè nel comprensorio sciistico piemontese di Ala di Stura.

Il sindaco di Ala di Stura, Mauro Garbano guarda il disastro e scuote la testa: "Per noi, se qualcuno non ci aiuta, potrebbe essere la fine"

Un incendio che stando alle prime ricostruzioni sembra avere origine dolosa, dal momento che l'edificio da dove si è sprigionato il tutto, da mesi non era dotato nemmeno di corrente elettrica. Al momento però non è esclusa nemmeno l'ipotesi accidentale, anche perche i Vigili del Fuoco non escludono la possibilita che il fuoco possa essersi originato da un fulmine o da una scintilla partita da alcune batterie depositate nei locali. 

"E pensare che, proprio il 1 settembre, dopo quarant’anni è scaduta la vita tecnica della seggiovia ed eravamo in contatto con la Regione per ottenere un finanziamento che ci garantisse almeno un anno di attività – racconta ancora il primo cittadino di Ala alla Stampa –. Stavamo lavorando per effettuare la revisione, ora vedremo come si può fare ma, di certo, è una mazzata che non ci voleva proprio".

L'impianto da poco si era dotato di una nuova sala comandi che era stata realizzata con un finanziamento di circa 400 mila euro. Un investimento importante che è letteralmente andato in fumo con l'incendio di ieri. 

Ripristinare il funzionamento dell'impianto sarà un'autentica corsa contro il tempo. "Per noi è vitale che gli impianti di risalita funzionino, perché la nostra identità è Ala di Stura e vogliamo sciare sulle nostre piste - si sfoga Castagneri il direttore di uno sci club dove stanno crescendo una settantina di ragazzi allenati da quindici maestri, - Ho già contattato tutti i preparatori perché dobbiamo trovare una soluzione questo incendio ci ha tagliato le gambe e mi lascia addosso solo tanta desolazione dopo gli enormi sacrifici che abbiamo sostenuto per rilanciare la stazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA