Questo sito contribuisce alla audience de

Nuovi impegni ambientali per il Gruppo Rossignol, che punta al mezzo miliardo di fatturato nel 2026.

Siege rossignol moirans
Info foto

Gruppo Rossignol

Aziende

Nuovi impegni ambientali per il Gruppo Rossignol, che punta al mezzo miliardo di fatturato nel 2026.

Sotto la guida di Vincent Wauters, che ha assunto la carica di Presidente e CEO del Gruppo nel febbraio 2021, il Gruppo Rossignol inizia un nuovo capitolo della sua storia, annunciando il nuovo piano strategico: "Ascension 2026". Il Gruppo punta a superare i 500 milioni di euro di fatturato nel 2026 (rispetto ai 313 milioni di euro dell'esercizio 2021/22), adottando un modello di crescita sostenibile.

Combinare le ambizioni economiche con gli impegni sociali e ambientali

Con il piano strategico Ascension 2026, il Gruppo Rossignol abbraccia un modello di impegno e responsabilità, basato sulla sua nuova filosofia: "Creare movimenti di sostenibilità e potenziale umano". L'obiettivo di questo nuovo piano sarà quello di guidare la strategia del Gruppo, dal cuore della sua base produttiva alle sue innovazioni, per consentire all'attività sportiva in montagna di svilupparsi in modo inclusivo e rispettoso dell'ambiente. L'obiettivo principale è quello di conciliare la performance industriale con un approccio sostenibile, nel rispetto dei clienti, dei dipendenti, dei partner e dell'intero ecosistema della montagna.

Per sostenere questa nuova ambizione, il Gruppo annuncia un investimento globale di 50 milioni di euro da qui al 2026, di cui 27 milioni di euro in investimenti industriali (15 milioni di euro dei quali legati al programma di progresso ambientale RESPECT). Il resto di questa cifra rappresenta investimenti in nuovi prodotti e nella commercializzazione.

Vincent Wauters, Presidente e CEO del Gruppo Rossignol, afferma: “Con il piano strategico ASCENSION 2026, proieDamo il Gruppo e i suoi 115 anni di storia verso il futuro, impegnandoci allo stesso tempo per uno sviluppo sostenibile e inclusivo e condividendo l'ispirazione dello sport di montagna sia in estate che in inverno. Grazie a questa tabella di marcia, siamo orgogliosi di poter annunciare invesOmenO industriali e ambientali, con l'introduzione dell'uso di energie rinnovabili e della gesOone del ciclo di vita dei prodoD, tra cui la riparabilità, la seconda mano, la seconda vita e la riciclabilità. PunOamo a fare del sito di Sallanches, l'ulOma fabbrica di sci in Francia, la fabbrica leader al mondo per gli sci eco-progeSaO e riciclabili”.
Questa nuova strategia si basa su quattro settori complementari, ognuno dei quali presenta progetti concreti e obiettivi numerici ambiziosi:

 

1 - INNOVAZIONE E PRODOTTI

Il Gruppo vuole continuare a innovare, estendendo la propria produzione con prodotti nuovi, eco-responsabili e anche in settori diversi da quelli tradizionali. Tra le azioni da intraprendere anche lo sviluppo dell'attività di "riparazione dei prodotti" e valorizzazione della "second life" dei prodotti.

2 - INDUSTRIA
Il Gruppo vuole rafforzare le radici francesi e fare del sito produttivo di Sallanches un fiore all'occhiello per la produzione di prodotti riciclabili. La fabbrica spagnola di Artés verrà aggiornata per essere più compatibile con l'ambiente e si punterà alla creazione e allo sviluppo di reti di riciclo internazionali.

3 - COMMECIALE
Il Gruppo vede nei softgoods un'importante area di sviluppo del business. Tra gli obiettivi, aumentare la presenza nel mercato Nord-Americano e  consolidare i modelli di vendita direttti al consumatore.

4- SOCIALE
Rossignol si impegnerà sempre di più a promovere le attività fisiche in montagna in tutte le stagioni. Alcuni progetti sono già attivi in Francia e negli Stati Uniti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
20
Consensi sui social