Giovedì 22 Agosto, 18:38
Utenti online: 683

foto di Samo Vidic / Red Bull CP

Il film “STREIF - One Hell of a Ride” arriva su iTunes

STREIF  One Hell of a Ride

STREIF – One Hell of a Ride”, il primo documentario sulla gara sciistica più leggendaria della storia, è considerato un must per gli appassionati di sport invernali fin dalla sua uscita nei cinema austriaci, dove è immediatamente diventato il documentario con i maggiori incassi di tutti i tempi. Da oggi “STREIF – One Hell of a Ride” è disponibile su iTunes.

Per 75 anni, la gara annuale di Hahnenkamm a Kitzbühel (Austria), è stata teatro di vittorie memorabili e tragedie strazianti, un’eredità traboccante di miti e leggende. In nessun altro luogo lo sci viene celebrato con la stessa intensità. La città, la nazione, l’intero mondo degli sport invernali si fermano per seguire le battaglie che avvengono sulle piste e la discesa sulla Streif è l’evento in assoluto più atteso durante l’anno. Kitzbühel rappresenta per lo sci quello che Wimbledon rappresenta per il tennis, ciò che Monte Carlo è per la Formula 1 e l’Ironman delle Hawaii per il triathlon: un’epocale  competizione che può consacrare o distruggere la carriera di uno sciatore, dare vita a trionfi e sconfitte indimenticabili.
 
“STREIF – One Hell of a Ride” porta sullo schermo l’incredibile evento e la grande attesa che lo precede. Prodotto da Planet Watch e presentato da Red Bull Media House, il documentario segue cinque protagonisti dello sci alpino - Aksel Lund Svindal (Norvegia), Erik Guay (Canada), Max Franz (Austria), Hannes Reichelt (Austria) e l’esordiente  Yuri Danilochkin (Bielorussia) nei 12 mesi di preparazione per la più importante discesa della loro carriera. Tecniche  cinematografiche di ultima generazione offrono una nuova e incredibile prospettiva sulle performance degli atleti e sullo stress al quale il loro corpo è sottoposto, durante una gara che prevede pendenze fino all’85% e una velocità  che raggiunge addirittura i 142 km/h.
 
“STREIF – One Hell of a Ride” ha debuttato sugli schermi nel 2014, concorrendo per il primato di documentario di maggior successo nella storia del cinema austriaco fin dalla prima settimana nelle sale, con oltre 240.000 biglietti staccati solo nei paesi di lingua tedesca. Il film è stato anche premiato con il prestigioso “ROMY Award” come Miglior Documentario.
 
Lo scorso 3 novembre, la produzione Planet Watch è stata presentata per la prima volta negli Stati Uniti con una première a New York e un tour attraverso il paese, realizzato in collaborazione con Warren Miller Entertainment. Sulla scia del successo riscosso negli USA, il 7 novembre il film è stato inserito tra i titoli presenti alla quarantesima edizione del Banff Mountain Film and Book Festival in Canada.

RIPRODUZIONE RISERVATA