Questo sito contribuisce alla audience de

Dalla Valle d'Aosta la richiesta di includere nei DPCM della Fase2 l'apertura degli impianti a fune.

La Skyway del Montebianco
Info foto

YouTube

TurismoDecreto Coronavirus fase 2

Dalla Valle d'Aosta la richiesta di includere nei DPCM della Fase2 l'apertura degli impianti a fune.

E' Luigi Bertschy, Assessore ai Trasporti della Regione Valle d'Aosta a prendere posizione per salvare una stagione Turistica Estiva che al momento non è possibile prevedere né pianificare.

Il DPCM del 26 aprile 2020 riporta all’articolo 1 comma 1 lettera h la stessa dicitura presente nel decreto di inizio marzo che imponeva la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici. 

Durante il mese di Maggio gli impianti sarebbero comunque non accessibili per la chiusura della stagione invernale e le manutenzioni, ma la preoccupazione è che quella frase riportata nel decreto attualmente in vigore e valido fino al 17 maggio, continui ad essere presente nei prossimi decreti bloccando così l’apertura degli impianti per il periodo estivo.

L’attuale imposizione di fatto rende incerta l’organizzazione delle aziende per l’apertura estiva, così importante per il rilancio dell’economia di montagna, basata sul turismo e trainata dagli impianti di risalita. In particolare la Skyway di Courmayeur, lo sci estivo di Cervinia, il bikepark di Pila, che sono importanti attrattori per la stagione estiva, rischiano di restare chiusi.

Il trasporto a fune può essere effettuato in sicurezza, adottando misure di prevenzione del contagio analoghe a quelle previste per gli altri vettori (aerei, treni, autobus).

La Valle d’Aosta ha inviato alla Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio della Conferenza delle Regioni e Province autonome la sua proposta di emendamento alle linee guida sul trasporto dei passeggeri, inserite nel citato DPCM, affinché tengano conto delle peculiarità del trasporto a fune e inviato una nota ai Parlamentari valdostani, al presidente AVIF e alla presidente ANEF perché tutti possano farsi portavoce della importante necessità di dare a questo settore una prospettiva lavorativa.

“Abbiamo lavorato, con il Dirigente Giuliano Zoppo, per far inserire nelle linee guida gli impianti a fune aggiungendo questo settore che non era contemplato. Questo è un settore significativo nella nostra Regione anche per l’importante livello occupazionale che va mantenuto”, dichiara Bertschy.

“E’ importante che il Governo, nelle misure previste per la fase 2, dia una prospettiva anche a questo settore che, pur non incidendo su gran parte della penisola, resta determinante per le regioni di montagna”, prosegue l’Assessore Bertschy. “Come Valle d’Aosta ci faremo portavoce di tutte quelle realtà di montagna la cui economia si basa sulle infrastrutture funiviarie anche durante il periodo estivo. E’ necessaria un’azione concreta, a tutti i livelli istituzionali, insieme ad AVIF e ANEF che rappresentano gli esercenti, in modo da predisporre una risposta univoca del settore a livello centrale”.

#CORONAVIRUS #FASE2
© RIPRODUZIONE RISERVATA
216
Consensi sui social