Questo sito contribuisce alla audience de

I Mondiali Allround chiudono la stagione. Ireen Wüst per la gloria. Blokhuijsen e Verweij: nuovo duello?

I Mondiali Allround chiudono la stagione. Ireen Wüst per la gloria. Blokhuijsen e Verweij: nuovo duello?
Info foto

Getty Images

Speed Skating - Mondiali Allround 2014

I Mondiali Allround chiudono la stagione. Ireen Wüst per la gloria. Blokhuijsen e Verweij: nuovo duello?

Potrebbe diventare la replica in formato “Mondiale” dell’ultimo Europeo. Anzi, a essere precisi, può consumarsi ancora una volta l’ormai abitudinario monologo olandese, proprio nel tempio di casa della Thialf Arena di Heerenveen. Il destino dei Mondiali Allround di pattinaggio di velocità su ghiaccio sembra già assumere un forte connotato arancione, ancor prima d’iniziare. Tuttavia, da domani se ne saprà di più, quando prenderà il via l’ultima manifestazione internazionale della stagione 2013-14. E, come di consuetudine negli anni olimpici, lo speed skating chiude assegnando i titoli iridati maschile e femminile. Ireen Wüst punta a finire da cannibale il suo 2014 (due ori olimpici, un titolo europeo e sei vittorie in Coppa), confermandosi campionessa del mondo. Mentre tra gli uomini potrebbe rinnovarsi la supersfida tra olandesi Blokhuijsen-Verweij. L’Italia risponde con due azzurri sul ghiaccio: Andrea Giovannini e Luca Stefani. Entrambi pronti a migliorarsi e perché no, anche a stupire.

La regina annunciata sembra essere Ireen Wüst. Che prepara la sua conferma per la quarta edizione consecutiva. Traguardo facile? A meno d’inserimenti imprevedibili, sembrerebbe proprio di sì. Perché oltre ai favori di una stagione straordinaria nel 2014, il fenomeno di Goirle potrà “agevolarsi” anche dall’assenza di alcune delle rivali più accreditate come Martina Sáblíková e Claudia Pechstein, due delle tre pattinatrici ancora in attività ad aver conquistato l’iride. La ceca non calcherà il ghiaccio dello stadio Thialf a causa di alcuni problemi muscolari che ne attanagliano le prestazioni sin da Sochi 2014. La veterana tedesca, invece, ha rinunciato dopo le Finali di Coppa del Mondo, disputate sempre a Heerenveen durante lo scorso weekend. Dovrà fare chiarezza sul suo futuro e sull’opportunità di proseguire verso i Giochi invernali 2018 (quando avrà 46 anni).

Ma tornando alla concorrenza per Ireen Wüst, sembra tutto spianato per la fresca cinque volte medagliata olimpica. Le russe Yekaterina Shikhova (bronzo nel 2013) e Olga Graf sembrano tra le più agguerrite. Poi, come facile da preventivare, la Wüst si dovrà guardare dalla concorrenza interna. Dalla più esperta Diane Valkenburg (argento iridato in carica) alla 23enne Yvonne Nauta. Entrambe cercheranno di rovinare una festa annunciata alla quasi 28enne skater di Goirle, alla ricerca del suo quinto titolo in carriera.

Riguardo alla lotta per il titolo maschile, si potrebbe ripetere la situazione già vista a gennaio per gli Europei di Hamar. Due mesi e mezzo or sono, fu festa olandese al 100%, con Jan Blokhuijsen che si aggiudicò la sfida in famiglia con Koen Verweij con uno scarto irrisorio di poco più di 0,5 punti. Allora, il campionissimo e superfavorito Sven Kramer rinunciò per prepararsi al meglio ai Giochi Olimpici, mentre stavolta non ci sarà perché ha chiuso la sua stagione un mese fa per via di un’operazione. Fuori causa il campione del mondo dal 2007 al 2013 (eccezion fatta per il 2011), festeggerà Blokhuijsen oppure Verweij? O nessuno dei due? Questi sono gli interrogativi principali, ma lo stato di forma dimostrato da due dei migliori oranje alle Finali di Coppa è alto. È probabile che la lotta si deciderà nell’ultima delle quattro prove in programma, i 10mila, favorevoli al fondista Blokhuijsen.

Anche se gli outsider ci sono eccome tra i 24 partecipanti, ma non sembrano in grado di candidarsi con decisione per l’oro Allround. In prima fila i norvegesi Håvard Bøkko (vicecampione 2013) e Sverre Lunde Pedersen, poi il talentuoso belga Bart Swings. Per il discorso medaglie, l’attenzione si sposta anche sul russo Denis Yuskov, dimostratosi in ottima forma negli ultimi 1500 metri di Coppa, vinti proprio a sorpresa da lui.

Due gli italiani (nessuna donna) qualificatisi per i Mondiali dopo gli Europei 2014. Il 27enne Luca Stefani, al terzo Campionato del Mondo Allround (dopo le esperienze del 2010 e 2011). All’esordio fu 17esimo, mentre l’anno successivo concluse 22esimo. L’asiaghese cercherà di migliorare la sua migliore prestazione ottenuta quattro anni fa proprio a Heerenveen.

Fari obbligatoriamente puntati, dopo una bella stagione d’esordio tra i Senior, su Andrea Giovannini. Il trentino, bronzo al Mondiale Junior Allround a Collalbo nel 2013, può seriamente puntare a qualificarsi per l’ultimo atto dei 10mila. Agli ultimi Europei non è finito lontano dall’obiettivo e ha chiuso al 14esimo posto. E le sue chances di finire nei primi 12 dopo le tre prove iniziali non sembrano poche.

 

Di seguito il programma completo dei Mondiali Allround.

 

Sabato 22/03/2014

Ore 12:00 500m donne

Ore 12:44 500m uomini

13:28 3000m donne

15:14 5000m uomini

 

Domenica 23/03/2014

Ore 13:00 1500m donne

Ore 14:02 1500m uomini

Ore 15:02 5000m donne

Ore 15:56 10000 uomini

2
Consensi sui social