Questo sito contribuisce alla audience de

Il punto del dt Marco Selle dopo Ruka: "Pellegrino positivo sulle distance, mi aspettavo di pił dagli altri"

Il punto del dt Marco Selle dopo Ruka: 'Pellegrino positivo sulle distance, mi aspettavo di pił dagli altri'
Info foto

fisi.org

Sci Nordicointervista

Il punto del dt Marco Selle dopo Ruka: "Pellegrino positivo sulle distance, mi aspettavo di pił dagli altri"

Confermata l'assenza della squadra azzurra per la tappa di Lillehammer: "Dispiace, ma dobbiamo fare risultati e puntiamo su Davos e Planica".

E' stato un primo week-end di stagione discreto, ma senza il picco del grande risultato per l'Italfondo impegnata nel Ruka Triple.

Il bilancio delle gare sulle nevi finlandesi, da parte del direttore tecnico azzurro, Marco Selle, è comunque abbastanza positivo: “Ci attendeva la tappa più difficile, a livello del mare con una concorrenza che aveva una marcia in più perchè abituata a queste quote – l'analisi di Selle – Siamo partiti col botto nella qualifica delle sprint con Scardoni e Laurent, prima e terza, ma anche lo stesso Pellegrino. Sapevo che sarebbe stato difficile confermarci, ma siamo anche passati da avere materiali eccezionali ad un livello di tenuta che non ha reso.

Complessivamente, comunque, Pellegrino si è difeso bene nelle distance, mi attendevo invece qualcosa in più dagli altri; sapevamo che De Fabiani aveva perso una settimana di lavoro per problemi alla schiena, ma siamo anche consapevoli che serve crescere”.

Considerato che “l'obiettivo è portare a casa i risultati”, il dt azzurro conferma l'assenza della nazionale dalla prossima tappa di Lillehammer, che prevede skiathlon e staffette, prove nelle quali l'Italia non sarebbe competitiva per il podio. “Dobbiamo gestire gli atleti per le piste sulle quali possiamo essere protagonisti, per cui abbiamo deciso di saltare a malincuore le prove del prossimo fine settimana. Ci concentreremo su Davos e Planica, lì avremo ottime carte da giocarci prima del Tour de Ski. Criteri di partecipazione? Conteranno i buoni piazzamenti in Coppa del Mondo, ma anche le gare di Alpen Cup e la necessità di permettere ad alcuni giovani di fare esperienza, pescheremo certamente qualche elemento dagli Under 23”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
27
Consensi sui social