Domenica 15 Settembre, 9:30
Utenti online: 786
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Redazione Sport

Predazzo pronta ad ospitare la competizione iridata dei Master: dal 9 al 14 settembre tutti in Val di Fiemme

'Fai un salto per Matteo': è tutto pronto a Predazzo per l'evento benefico di martedì

Un grande appuntamento per la culla del salto con i campionati del mondo.

Dal 9 al 14 settembre, infatti, Predazzo ospiterà la competizione iridata dedicata ai Master, verso la conclusione di un'estate ricchissima a livello di eventi sportivi per la Val di Fiemme.

Lo stadio del salto, già impianto mondiale nel 1991, 2003 e 2013 e, ovviamente, cuore delle competizioni dei Giochi Olimpici Invernali di Milano-Cortina 2026, dopo la splendida iniziativa “Fai un salto per Matteo” andata in scena lo scorso 13 agosto, sarà al centro dei progetti di Unione Sportiva Dolomitica, Nordic Ski e Comune di Predazzo per un mese di settembre intensissimo, con tre manifestazioni diverse.

Il primo appuntamento in calendario vedrà protagonista chi non ha smesso di avere voglia di volare con gli sci. Sono gli atleti Master del salto, quasi tutti ex sportivi di alto livello (il più anziano in gara sarà lo svedese Ake Saloniemi, classe 1944), che si contenderanno il titolo mondiale individuale di categoria su tutti i trampolini dello stadio “G. Dal Ben” (HS 32, HS 66, HS 104 e HS 135). Prevista inoltre una gara a squadre sul nuovissimo HS 66 e due gare-spettacolo (HS 104 e HS 135).

L’evento porterà in Val di Fiemme un centinaio di atleti e atlete provenienti da ben 13 Paesi e mobiliterà complessivamente oltre 250 ospiti. Predazzo ha conquistato l’organizzazione dei Mondiali Master grazie alla ristrutturazione del trampolino HS 66 (inaugurato lo scorso 13 agosto), impianto che si rivela davvero duttile, principalmente per la crescita dei giovani saltatori ma anche, come in questa occasione, per altri eventi di carattere internazionale.

Neanche il tempo di far calare il sipario sulla competizione iridata che subito un nuovo evento appare in calendario. Domenica 15 settembre, allo stadio del salto i protagonisti saranno infatti i campioni del domani, che saranno in gara, ancora sul gioiellino HS 66, nel “Trofeo Pietro Pertile”, appuntamento del circuito Nazionale Giovani di salto e combinata nordica dedicato ad una figura importantissima nella storia e nello sviluppo del salto azzurro.

Il gran finale si terrà nel week-end del 20-22 settembre quando, per il terzo anno consecutivo, Predazzo ospiterà una tappa del circuito Alpen Cup di salto e combinata nordica. Si tratta di un evento giovanile di grande livello riservato alle atlete e agli atleti delle nazioni aderenti all’OPA (Organizzazione dei Paesi Alpini). Per rendere ancor più spettacolare l’evento e per condividerlo al meglio con tutta la popolazione, gli organizzatori porteranno la mass start di combinata nordica in pieno centro a Predazzo, con un suggestivo circuito cittadino di 2,5 km.

Anche in occasione dell’Alpen Cup, il numero delle persone coinvolte, fra atleti, tecnici ed accompagnatori, sfiorerà le 300 presenze, la stragrande maggioranza proveniente dall’estero. Numeri che creano valore economico per il territorio e che confermano l’intuizione di chi ha sostenuto l’impegno di rendere lo stadio del salto un impianto finalmente completo e in grado di contribuire a destagionalizzare l’annata turistica anche attraverso eventi sportivi di questa portata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA