Sabato 17 Agosto, 13:24
Utenti online: 974
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Redazione Sport

foto di Getty Images

Timi Zajc è incontenibile: bis a Courchevel e lo sloveno classe 2000 è leader del Summer Grand Prix

Timi Zajc è incontenibile: bis a Courchevel e lo sloveno classe 2000 è leader del Summer Grand Prix

Una terza tappa sulle alpi francesi condizionata dal vento, ma c'è un giovanissimo più forte di tutto...

Timi Zajc sembra davvero incontenibile e lo dimostra anche a Courchevel, firmando il bis nel Summer Grand Prix dopo l'esordio con vittoria a Wisla e l'assenza della settimana successiva ad Hinterzarten.

Il classe 2000 sloveno domina letteralmente sull'HS135, nonostante Eolo che certo non è amico del talento di Ljubno in una serata che ha visto ospite d'eccezione il padrone di casa (cresciuto proprio a Courchevel, dove il padre gestisce anche un hotel) Alexis Pinturault.

Zajc si riprende così il pettorale giallo di leader della rassegna estiva del salto, salendo a quota 200 punti e con 28 lunghezze di margine su Karl Geiger, vincitore ad Hinterzarten e sabato sera ottavo. Eppure, dopo il primo salto la gara sembrava poter essere nelle mani di Robert Johansson, già vincitore della qualificazione del mattino e con oltre 5 punti di margine sullo stesso Zajc, quarto a metà prova e decisamente penalizzato dal vento. Lo splendido 133.5 di misura firmato dal formidabile sloveno nel salto decisivo, però, ha ribaltato tutto per un punteggio finale di 277.6 punti che è valso il successo con 4.5 lunghezze sullo stesso Johansson, al primo podio su plastica così come il giapponese Naoki Nakamura, terzo a sorpresa con 269.5 punti.

E' sceso dal podio dopo il primo salto Tilen Bartol, che conferma la Slovenia su livelli altissimi con il suo 4° posto, appena davanti al rimontante Evgeniy Klimov, forse il grande favorito della vigilia e già sul podio a Wisla, ma parecchio sfortunato nella prima prova conclusa al 12° posto. A seguire la coppia polacca formata da Wolny e Kot, poi Geiger ottavo e a completare la top ten i norvegesi Lindvik e Tande, che non possono che crescere col passare delle gare.

L'Italia? Chiude 40esimo Alex Insam, che non ha superato il taglio dopo il primo salto, mentre Federico Cecon si era già fermato in qualificazione. Prossima tappa a Zakopane, dal 16 al 18 agosto con una prova a squadre e una gara individuale sull'HS140 polacco, mentre le donne chiuderanno il Summer Grand Prix 2019 a Frenstat, in Repubblica Ceca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA