Questo sito contribuisce alla audience de

Tomba-Brignone, un nuovo duetto a CasaSkySport: "Alberto? Mi ha dato mille consigli"

Foto di Redazione
Sci Alpinocampioni azzurri

Tomba-Brignone, un nuovo duetto a CasaSkySport: "Alberto? Mi ha dato mille consigli"

Ospiti di Carlo Vanzini a Sky Sport 24, ecco le parole dei due campioni azzurri vincitori, a 25 anni di distanza, della Coppa del Mondo. E Albertone ricorda: "Quanto stava andando Paris...".

Un nuovo duetto dopo quello che, nel post combinata di Crans-Montana, aveva visto Albertone incensare Fede per il suo poker sulla pista che lo vide trionfare per l'ultima volta in carriera.

Alberto Tomba e Federica Brignone si sono incontrati nuovamente, seppur a distanza, grazie al lavoro di Carlo Vanzini e di Sky Sport: nel programma pomeridiano “CasaSkySport”, è andato infatti in scena un collegamento con i due campioni azzurri che hanno portato le ultime due sfere di cristallo assolute in Italia. Il fuoriclasse bolognese nel 1995, la stella valdostana 25 anni più tardi. E non sono mancate le battute e gli sketch, considerato l'ottimo rapporto esistente tra i due: “Anche in slalom sei forte”, ha detto Alberto a Fede che, a precisa domanda di Vanzini sulla possibilità di allargare il suo impegno anche alla specialità per lei in questo momento meno redditizia, ha chiarito. “Mi diverte e mi è utile anche per la combinata, ma è difficile pensare di fare tutte le gare al massimo livello e in slalom serve un allenamento specifico come in nessun'altra disciplina”.

Lo slalom più emozionante per Tomba? “Ce ne sono tanti, dall'oro di Calgary all'ultimo di Crans-Montana”, mentre Brignone si è detta “gelosa di Alberto quando vedo le sue immagini con la coppa. Io non ho potuto vivere quel momento sul podio, e non ho ancora ricevuto nulla a casa...”.

L'emozione di quel messaggio con cui ha scoperto di aver vinto il trofeo più ambito “rimarrà però indelebile, così come ricordo tutti i consigli che mi ha dato Alberto in questa stagione. L'ho sentito regolarmente durante l'inverno, è stato un aiuto”.

E lo stesso Albertone ci ha tenuto a ricordare quanto fatto da Dominik Paris prima dell'infortunio: “Era partito in quinta, chissà dove sarebbe arrivato...”. Davvero, chissà...

© RIPRODUZIONE RISERVATA
13k
Consensi sui social