Sabato 25 Novembre, 7:01
Utenti online: 622
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Agenzia Giancarlo Colombo

Presentata a Milano la stagione FISI 2017-2018

Presentata a Milano la stagione FISI 2017-2018

A poco meno di tre settimane dall’apertura di Coppa del Mondo di sci alpino a Sölden Flavio Roda ha incontrato i media per illustrare le novità riguardanti la prossima stagione degli sport invernali.

La più grossa riguarda i criteri di qualificazione per i Giochi di Pyeongchang che… non ci sono più. Saranno infatti gli staff tecnici a scegliere a loro discrezione chi meriterà il pass per la Corea e chi avrà maggiori chance di vincere una medaglia. Era presente anche Alessandro Benetton, il presidente della Fondazione Cortina 2021, che ha dichiarato a proposito della rassegna iridata che andrà in scena tra quattro anni (virgolettato di fisi.org): “E’ un'occasione importante per il Veneto e per l'Italia intera, un modo per lasciare un'eredità importante nella perla delle Dolomiti che ha però perso un po' di smalto per un mancato senso di visione. Abbiamo costruito una nuova pista molto tecnica e interessante e lo abbiamo potuto fare grazie alla determinazione del Governo che ha messo a nostra disposizione commissari straordinari. All'inizio c'era paura per un po' di ritardo ma ora siamo ottimisti, non lo saremmo senza l'impegno delle istituzioni. Torino con le Olimpiadi invernali del 2006 e Milano con Expo nel 2015 sono diventati posti migliori. Speriamo di riuscire a fare lo stesso con Cortina, lavorando al fianco di una federazione che dispone di atleti molto forti, capace di ottenere negli ultimi anni risultati addirittura insperati. Le nostre parole chiave saranno: giovani, futuro e sostenibilità".

Dal canto suo Roda ha aggiunto: "Abbiamo allacciato nel corso dell'estate un rapporto importante con il CONI e il Centro di Preparazionze Olimpica di Formia, tutte le direzioni agonistiche hanno sfruttato l'opportunità di per un monitoraggio ancor più completo dell'attività fisica dei singoli atleti. Lo sci alpino ha sfruttato al meglio le ottime condizioni di neve del Sudamerica, lo sci nordico ha sciato tanto in primavera sugli sci e poi ha lavorato bene sugli skiroll, le discipline del ghiaccio hanno appena cominciato l'attività in pista dopo un intenso lavoro atletico, il biathlon si è concentrato molto nella fase al poligono di tiro, insomma nulla è stato lasciato al caso. In vista delle convocazioni olimpiche, in accordo con il CONI abbiamo deciso che non esisteranno criteri di selezione, bensì farà testo il giudizio dei rispettivi tecnici di settore, l'intenzione è quella di fare tutto il possibile per mettere i nostri ragazzi nelle condizioni di raggiungere i migliori risultati".

Nel corso della mattinata è stato ripresentato anche il progetto "Quando la Neve fa Scuola" che avvicinerà alla montagna e agli sport invernali gli studenti della scuola secondaria di primo grado di tutto il territorio nazionale e lanciato il progetto "Charity Stars", destinato a raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terremoto (per informazioni http://www.fisi.org/fisi4charity). Il primo appuntamento in Italia con la Coppa del mondo sarà quello nella settimana che va dall'11 al 18 novembre al Parco Experience di Fiera-Rho a Milano, quando approderà per il secondo anno di fila "Big Air in the City" di freestyle e snowboard sotto le luci dell'Albero della Vita.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA