Domenica 21 Luglio, 13:21
Utenti online: 403
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Redazione Sport

foto di Getty Images

La Slovenia punta su Hadalin-Kranjec e tra le donne, oltre al recupero di Stuhec, gruppo unico con la stellina Hrovat

La Slovenia punta su Hadalin-Kranjec e tra le donne, oltre al recupero di Stuhec, gruppo unico con la stellina Hrovat

Presentati i quadri delle formazioni federali, con il team rosa di coach Slivnik (ex Austria) senza la bi campionessa mondiale di discesa, guidata dal suo staff personale

Pochi atleti, ma punte di altissimo livello confidando nel rientro ai massimi livelli di Ilka Stuhec.

E' questa la missione della federsci slovena per la stagione 2019/2020, dopo aver presentato gli organici con soli 12 elementi (6 uomini e 6 donne) nei gruppi di Coppa del Mondo, anche se Ilka Stuhec lavorerà direttamente col proprio team personale.

Rimane il dubbio legato ad Ana Drev, l'esperta gigantista infortunatasi nel corso dell'ultima stagione (a gennaio si è rotta il legamento crociato anteriore del ginocchio destro in allenamento) e, a 34 anni, non ha ancora deciso se smettere con l'agonismo. Nel caso dovesse decidere di continuare, la federazione ha già confermato che verrebbe inserita nel team nazionale femminile guidato dalla new entry Janez Slivnik, l'ex tecnico dei gigantisti austriaci che torna in Slovenia per ricoprire il ruolo di head coach di una squadra che propone la stellina Meta Hrovat (classe '98, iridata junior in slalom e già costantemente in top 20 tra gigante e slalom in CdM), affiancata da Tina Robnik, Neja Dvornik e dalle ormai esperte Marusa Ferk e Ana Bucik.

A livello maschile, c'è la divisione tra discipline tecniche, con i soli Stefan Hadalin e Zan Kranjec, che nell'ultima stagione si sono ben disimpegnati sia in slalom che in gigante, e i velocisti con Bostjan Kline atteso al riscatto, affiancato da Martin Cater, Klemen Kosi e Miha Hrobat.

© RIPRODUZIONE RISERVATA