Questo sito contribuisce alla audience de

L'anticipo di Soelden e i dubbi relativi al pubblico: capienza ridotta sul Rettenbach

Nessuna sorpresa nelle convocazioni azzurre per Killington: 5 slalomiste e Pirovano al posto di Melesi in gigante
Info foto

2019 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo 2020/21

L'anticipo di Soelden e i dubbi relativi al pubblico: capienza ridotta sul Rettenbach

Ieri l'ufficialità che la Coppa del Mondo partirà il 17-18 ottobre, ma solo nelle prossime settimane verranno ufficializzati i protocolli, con la relativa vendita dei biglietti. Situazione ancora aperta per le gare nordamericane.

L'anticipo dell'opening di Soelden è la notizia dell'estate sciistica, anche se potrebbe essere solo la prima di parecchie novità legate alla Coppa del Mondo 2020/21, chiaramente condizionata dalla situazione Coronavirus.

Mercoledì è stata ufficializzata, in primis dalla stessa federsci austriaca e poi dalla FIS stessa in serata, la scelta di fare disputare i due giganti sul Rettenbach nel week-end del 17-18 ottobre, anziché il sabato e la domenica successive. Un'opzione, come già spiegato, che dà così la possibilità di gestire in maniera ottimale tutta la macchina organizzativa che dovrà garantire il necessario isolamento alle squadre nazionali, riuscendo al tempo stesso ad aprire al pubblico per assistere a quella che è sempre stata la grande festa d'apertura della stagione, con 30-40mila persone sul ghiacciaio dell'Oetztal.

Numeri che potremo scordarci per quest'anno, visto che è stata già preannunciata una riduzione del numero di spettatori rispetto alla capienza massima; in tal senso, solo nelle prossime settimane verranno rese note le linee guida e la relativa vendita dei biglietti, sia per il gigante femminile di sabato 17 (manches alle ore 10 e alle 13) che per quello maschile del giorno successivo (stessi orari).

Al di là dell'opening, la FIS dovrà navigare a vista anche praticamente per l'intero calendario di coppa; se per il week-end dedicato al parallelo, in programma a metà novembre a Lech-Zuers, e anche per gli slalom di Levi della settimana successiva non dovrebbero esserci problemi, rimane invece aperta la situazione relativa alle gare nordamericane, dalle prove tecniche di Killington alle gare veloci di Lake Louise per il settore femminile, alla trasferta canadese degli uomini jet a fine novembre e il successivo lungo week-end di Beaver Creek.

Potremmo saperne di più in merito già prima del congresso autunnale della FIS che andrà in scena solo in video conferenza nei primi giorni di ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
176
Consensi sui social