Questo sito contribuisce alla audience de

Discesisti svizzeri al lavoro con i tecnici dei... fondisti: la partenza è il tallone d'Achille per Feuz & Co.

Foto di Redazione
Info foto

2020 Getty Images

Sci Alpinocuriosità

Discesisti svizzeri al lavoro con i tecnici dei... fondisti: la partenza è il tallone d'Achille per Feuz & Co.

Bernhard Russi l'aveva suggerito nel 2014, ma solo con l'arrivo di Nydegger, anche i rossocrociati hanno cominciato ad allenarsi sullo start. I risultati? Li svela il "Blick"...

E' una fase da molti sottovalutata, ma anche in partenza possono volare decimi, non solo quei pochi centesimi che possono decidere una gara.

A maggior ragione nelle discipline veloci, specialmente in caso di start su tratti con poca pendenza: se ne sono accorti anche in Svizzera, come si racconta sulle colonne del “Blick”. Feuz e compagni risultavano tra i peggiori nella fase di spinta, come aveva già notato nel 2014 Bernhard Russi, che scrisse come “in una partenza piatta come sulla Saslong serve pattinare bene, non solo spingere con le braccia. Io manderei i nostri atleti ad allenarsi con i fondisti”.

Il pensiero del grande ex discesista rossocrociato non venne considerato in seno a Swiss-Ski, ma con l'arrivo nel 2019 di un tecnico come Reto Nydegger, proveniente dalla squadra norvegese dove si lavora eccome a questo particolare da anni, qualcosa è cambiato anche in casa Svizzera. E' iniziata quindi una collaborazione con il tecnico del fondo Christian Flury, per anni allenatore in vari ambiti e dallo scorso aprile team manager della nazionale elvetica: “E' chiaro, attacchi e sci sono completamente differenti, ma alcuni input possono risultare utili per i ragazzi”, ha spiegato al “Blick” lo stesso Flury”.

Carlo Janka, dopo gli allenamenti estivi svolti a Zermatt con ulteriori test sulle spinte in partenza, ha parlato della necessità di “avere una grande stabilità con il tronco, per trasmettere forza ai bastoncini”, mentre Beat Feuz ha ammesso. “La mia partenza non potrebbe essere peggiore, quindi è in ogni caso un aiuto. Serve essere rilassati dalla testa ai piedi, i consigli di Flury mi hanno già aiutato anche nella scorsa stagione, seppur non sempre sia riuscito ad applicarli al meglio in gara”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
60
Consensi sui social