Mercoledì 20 Febbraio, 2:08
Utenti online: 340
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Getty Images

Mikaela Shiffrin: "Non penso ai record, disumanizzano lo sport. E non esistono vittorie facili"

Mikaela Shiffrin: 'Non penso ai record, disumanizzano lo sport. E non esistono vittorie facili'

Sui social network Mikaela Shiffrin ha spiegato la sua decisione di non fare tutte e cinque le gare dei Mondiali di Are rispondendo così a Bode Miller e a Lindsey Vonn che hanno sostenuto che è un peccato che non lo faccia perché avrebbe potuto vincere medaglie in tutte e cinque le gare.

“Devo dire che sono lusingata da alcuni recenti commenti di Bode e Lindsey che pensano che avrei potuto presentarmi in 5 eventi dei campionati del mondo - scrive Mikaela -. Tuttavia, come ho cercato di correre in ogni specialità in questa stagione, e ho vinto in 5 specialità solo in questa stagione, posso dirvi che non una di quelle vittorie è stata "facile". Non esiste una vittoria facile. Dall'esterno, le persone vedono i record e le statistiche. Come ho detto, quei numeri disumanizzano lo sport e ciò che ogni atleta sta cercando di ottenere. Quello che vedo è un'enorme miscela di lavoro, allenamento, gioia, angoscia, motivazione, risate, stress, notti insonni, trionfo, dolore, dubbio, certezza, più dubbi, più lavoro, più allenamento, sorprese, voli in ritardo, voli cancellati, bagagli persi, lunghi viaggi durante la notte, spese, più lavoro, avventura e alcune gare. Non ho i titoli stagionali di slalom e gigante in bacheca, e non ho nemmeno le medaglie mondiali di slalom o gigante in bacheca. Le ragazze sono competitive ed è una lotta, ogni singola gara. Ognuno ha gli occhi puntati sull'oro, quindi pensare che potrei gareggiare e tornare ballando con 4 o 5 medaglie sarebbe un errore grossolano e onestamente irrispettoso per il talento e l'abilità degli altri atleti, e di quanto lavoro hanno messo nella loro sciata. A 23 anni, sto ancora cercando di capire il mio pieno potenziale e anche i miei limiti. Ma ho sicuramente imparato a non lasciare che la tracotanza dettasse le mie aspettative e i miei obiettivi. Il mio obiettivo non è mai stato quello di battere i record per il maggior numero di vittorie, punti o maggior numero di medaglie ai campionati del mondo. Il mio obiettivo è quello di essere davvero competitiva ogni volta che vado in partenza, e di avere quel tipo di longevità nella mia carriera che mi permetterà di guardare indietro quando tutto è detto e fatto e dire che - per gran parte della durata della mia carriera - sono stata in grado di competere e lottare per quel passo superiore piuttosto che essere messa da parte per essere stata bruciata o ferita spingendo oltre le mie capacità. Per me è chiaro che molti credono che sto affrontando la mia carriera in un modo che nessuno ha mai fatto prima, e la gente non lo capisce davvero. Ma sapete una cosa? Per me va bene, perché io sono ME e nessun’altra”.

Puntuale arriva il commento di replica di Lindsey Vonn: “Quello che abbiamo detto è stato un complimento, che sei capace di vincere medaglie in tutti gli eventi. Nessuno ha detto che sia facile, presumo e lo sappiamo entrambe, come vincitrici in tutte e 5 le specialità. Quindi segui la tua decisione e sii te stessa. Non devi giustificare nulla a nessuno. Buona fortuna nel gigante e nello slalom. 💪🏻

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA