Domenica 16 Dicembre, 18:42
Utenti online: 2954
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

Mélanie Meillard: "L'obiettivo è tornare sugli sci senza sentire dolore"

Mélanie Meillard: 'L'obiettivo è tornare sugli sci senza sentire dolore'

Pubblichiamo la traduzione di una bella intervista che la FIS ha fatto a Mélanie Meillard, la stella nascente svizzera del Canton Vallese che compirà 20 anni il prossimo 23 settembre e che si è meritata l’Oscar della sfortuna per essersi fatta male al ginocchio all’immediata vigilia dei Giochi di PyeongChang 2018.

Dal tuo titolo di campionessa olimpica giovanile nel 2016 (a Lillehammer in gigante, ndr), ti abbiamo inserito nella lista delle stelle nascenti. Hai quasi subito dimostrato quello di cui sei capace di fare in Coppa del Mondo, dato che hai ottenuto un incredibile sesto posto nello slalom di Levi nello stesso anno (a novembre, ndr). Avevi 18 anni, era la tua quarta gara di Coppa del Mondo. Ti aspettavi un risultato così buono in quel momento?

Niente affatto! Il mio obiettivo era quello di godermela e fare esperienza al più alto livello. Speravo di qualificarmi per la seconda manche, ma non mi aspettavo di finire sesta!

Come ti sei sentita quando hai tagliato il traguardo?

Sono rimasta molto sorpresa e non potevo credere di aver raggiunto un risultato del genere. Quando ho visto il tempo, non sapevo come reagire. Era tutto nuovo per me. Ero così felice.

Ti sei resa conto di quale enorme passo avanti avevi fatto?

Non proprio, non subito. Ma quando in seguito mi sono guardata indietro, è stata una pietra miliare che ha cambiato molto il resto della mia stagione. Mi ha anche dato molta autostima.

Da quel momento in poi le cose si sono mosse molto velocemente per te. Sei passata al gruppo di allenamento di Coppa del Mondo e sei diventata una sciatrice di Coppa del Mondo in pianta stabile. Alla fine della stagione ti sei classificata nelle prime 30 della generale, al 10° posto della graduatoria di slalom e al 20° in quella di gigante. Com'è stata l'integrazione in questo nuovo ambiente?

Ho dovuto imparare molto durante le gare, ma è stato molto interessante e l'integrazione nella mia nuova squadra non è stata affatto un problema.

Sono successe molte cose per te in Coppa del Mondo, è stato facile adattarsi a tutti i doveri aggiuntivi?

Non posso dire che sia stato facile, ma ero molto ben seguita, così ho potuto adattarmi rapidamente. Certo, è molto diverso dalla Coppa Europa. Nel tour della Coppa del Mondo ci sono i sorteggi dei pettorali, le interviste, i viaggi oltremare, ecc., Ma si tratta di essere ben organizzati per ottimizzare ogni momento.

Cosa ti è piaciuto di più nella tua nuova vita?

Mi piace viaggiare, scoprire nuovi posti e fare ciò che amo in diverse stazioni sciistiche.

Il giorno di Capodanno del 2018 hai conquistato il tuo primo podio per la Coppa del Mondo al City Event di Oslo. Cosa ti è passato per la mente quando eri all'inizio della finale per il terzo posto?

Ho cercato di stare calma, di non mettere ulteriore pressione sulle mie spalle. Mi sono detta che era già fantastico essere in semifinale. Ma ho avuto l'opportunità di conquistare il mio primo podio in Coppa del Mondo, quindi ho dovuto spingere forte e dare tutto il necessario per raggiungere il mio obiettivo.

Come è stato vedere la luce verde in basso e renderti conto di averlo fatto?

Quando ho passato il traguardo e ho visto la luce verde un sogno si è avverato. Avevo fatto il mio primo podio in carriera.

Hai dovuto gareggiare contro la tua compagna di squadra Wendy Holdener in semifinale e contro Frida Hansdotter nella finale per il terzo posto. Eri più intimidita o motivata?

È stata una grande motivazione per me sapere che potevo stare al passo con loro.

Cosa ti rende forte in questa particolare disciplina?

Avere una sciatrice accanto a me su un percorso parallelo che mi spinge a raggiungerla se sono in ritardo o a continuare a spingere se so che lei è dietro. Mi fa andare ancora più veloce.

In questa rapida ascesa ti sei qualificata per i tuoi primi Giochi Olimpici. Ma poco prima della cerimonia di apertura a PyeongChang ti sei infortunata durante un allenamento di gigante rompendoti il legamento crociato anteriore e il menisco. Una volo pauroso. Com'è successo?

Era il nostro primo giorno di allenamento in Corea. Nella mia seconda manche, verso la metà della pista, ho fatto un errore e sono caduta andando in rotazione. Poi sono finita di spalle nelle reti sentendo un dolore terribile al ginocchio.

Quanto è grande la delusione e come l'hai affrontata?

È stato molto difficile, un'enorme delusione farmi male subito prima dei miei primi Giochi olimpici invernali. Ero molto triste. Avevo sensi di colpa e mi ponevo molte domande. Ma comunque la situazione era quella e non potevo cambiarla, così ho cercato di guardare il lato positivo delle cose. Ma di sicuro non è stato facile.

Stai bene adesso, e sei in grado di guardare ancora avanti?

Sì, sto meglio ora. È ancora troppo presto per dire quando potrò gareggiare di nuovo, ma piano piano comincio a essere in grado di guardare avanti e vedere che è possibile tornare forte.

Qual è la tempistica nel processo di guarigione?

Alcune settimane dopo il mio intervento chirurgico il mio preparatore atletico, il mio fisioterapista, il mio dottore, i miei allenatori e io abbiamo organizzato un programma per la mia riabilitazione. Ho iniziato con molta fisioterapia per guarire il meglio possibile dall'intervento. Poi, dopo sei settimane, ho iniziato lentamente ad allenarmi di nuovo in palestra. Lungo la strada, abbiamo adattato la riabilitazione a come il mio ginocchio poteva farla.

Sei ancora giovane, non abbiamo dubbi che tornerai da questo infortunio e conquisterai molti altri podi e medaglie. Su cosa ti concentrerai quando tornerai sugli sci?

L'obiettivo è ritrovare la fiducia e controllare tutti i miei movimenti. Mi concentro sulla capacità di allenarmi e sciare senza dolore.

Hai già stabilito obiettivi concreti?

Mi piacerebbe tornare al livello che avevo prima del mio infortunio.

Quali sono i tuoi obiettivi complessivi della tua carriera di sciatrice?

Sogno una medaglia a un grande evento (Giochi olimpici invernali o Campionati del mondo) e una coppa di cristallo. Ma è un lungo cammino e sono solo all'inizio della mia carriera.

Tu e tuo fratello Loïc, che si sta comportando bene nello slalom e nello slalom gigante in Coppa del Mondo, state facendo la stessa carriera. C'è un segreto di famiglia che vi rende rende così forti?

Non c'è segreto Siamo sempre stati molto coinvolti nello sport e quando vogliamo qualcosa facciamo tutto per raggiungere il nostro obiettivo.

Quali pensi che siano stati i punti chiave della vostra crescita che hanno portato a questo successo?

Quando eravamo bambini, eravamo molto attivi insieme ai nostri genitori. Abbiamo sciato molto e praticato anche molti altri sport. Questo è stato molto utile più tardi.

C’è una sana rivalità tra voi due?

Non c'è rivalità o gelosia tra di noi. Siamo sempre felici quando l'altro fa un buon risultato. Inoltre, sappiamo che possiamo contare l'uno sull'altro se qualcosa non va bene.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA