Questo sito contribuisce alla audience de

Borgo San Dalmazzo in festa per Marta Bassino: 200 persone hanno accolto l'azzurra dopo la prima vittoria

Borgo San Dalmazzo in festa per Marta Bassino: 200 persone hanno accolto l'azzurra dopo la prima vittoria
Info foto

campioni.cn

Sci Alpinola campionessa azzurra

Borgo San Dalmazzo in festa per Marta Bassino: 200 persone hanno accolto l'azzurra dopo la prima vittoria

Nella serata di lunedì, il ritorno a casa della piemontese è stato celebrato al... top. La vincitrice di Killington "sorpresa e commossa".

Una festa spontanea, calorosa, per la stellina del paese diventata campionessa.

Marta Bassino è stata accolta lunedì sera, al ritorno a casa dal Vermont, dopo il suo primo trionfo in Coppa del Mondo nel gigante di Killington, dalla sua Borgo San Dalmazzo che si è stretta attorno alla 23enne piemontese portando, nel centro del paese, oltre 200 persone che hanno festeggiato l'azzurra con torta, dolci, spumante e soprattutto quel senso d'amicizia per una concittadina sempre rimasta legata a casa.

Marta si è detta “sorpresa e commossa” (la foto di campioni.cn parla chiaro) per il regalo ricevuto, con i ragazzi del “Fan Club Marta Bassino” in testa, loro che l'hanno sempre seguita e sostenuta in questi anni; Bassino rimarrà qualche giorno a casa, avendo deciso di saltare le gare di Lake Louise per preparare al meglio il super-g di Sankt Moritz del 14 dicembre, ma soprattutto il prossimo gigante in programma martedì 17 a Courchevel. "Sapevo di avere le carte in regola per farcela, ma per vari motivi la vittoria non era mai arrivata - ha raccontato Marta nel corso della serata - Il bis? Sarebbe bellissimo riuscirci al Sestriere..." (il prossimo 19 gennaio, ndr).

Quella di sabato scorso a Killington, con Federica Brignone al 2° posto alle spalle della compagna di squadra, è stata la decima doppietta italiana, a livello femminile di gare di Coppa del Mondo; l'ultima volta era successo nella discesa di Bad Kleinkirchheim, il 14 gennaio 2018 con Goggia, Brignone e Nadia Fanchini, ma in termini di “uno-due” puro, si torna a Karen Putzer e Denise Karbon, prima e seconda nel gigante di Lillehammer del 16 marzo 2003.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
183
Consensi sui social