Giovedì 17 Gennaio, 8:55
Utenti online: 1730

Band of Heroes, Federica Brignone

Band of Heroes, Federica Brignone

Non poteva mancare nel mitico quadro della Band of Heroes Federica Brignone, oggi ai vertici della classifica generale di Coppa del Mondo, si gode il ronzio generale di uno dei giovani sciatori del Kitzbühel Ski Club, Felix Hofer.

Federica Brignone è nata il 14 luglio 1990 a Milano ed è residente a La Salle, in Valle d'Aosta. E' figlia di Maria Rosa "Ninna" Quario, grande slalomista degli anni ottanta, ed è anche lei da sempre, come Innerhofer, portacolori della Band of Heroes Rossignol.

Ha esordito in Coppa del Mondo nel dicembre 2007 e finora può vantare 9 vittorie (5 in gigante, 2 in superG e 2 in combinata) e 26 podi totali (alle vittorie aggiunge infatti 8 secondi e 9 terzi posti), che in entrambe le classifiche ne fanno già la terza italiana di sempre dopo Deborah Compagnoni e Isolde Kostner.

In classifica generale è stata quinta nel 2017 e ottava nel 2016, in quella di gigante quarta nel 2016 e nel 2017 e quinta nel 2018, in quella di superG sesta nel 2016 e nel 2018 e ottava nel 2017, in quella di combinata seconda nel 2017 e terza nel 2018.

A ulteriore dimostrazione della sua polivalenza, nell'inverno 2017-2018 è stata la prima italiana a vincere gare di Coppa del Mondo in tre specialità diverse trionfando nel gigante di Lienz, nel superG di Bad Kleinkirchheim e nella combinata di Crans-Montana. E' stata argento mondiale a Garmisch-Partenkirchen nel 2011 e bronzo olimpico a PyeongChang 2018, entrambe le volte in gigante.

Quest'anno ha già iniziato alla grandissima col secondo e il primo posto nei giganti di Soelden e di Killington che la piazzano in testa alla classifica di specialità. Il suo sogno, da sempre, è quello di essere la prima italiana a vincere la Coppa del Mondo generale, ma l'obiettivo più realistico sembra quello della conquista della Coppa di gigante, riuscito per quanto riguarda le azzurre solamente a Deborah Compagnoni e a Denise Karbon e, perché no, l'obiettivo di migliorare a Are quell'argento iridato del 2011.

© RIPRODUZIONE RISERVATA