Questo sito contribuisce alla audience de

Adam Rippon sfata il tabù del titolo nazionale

Adam Rippon sfata il tabù del titolo nazionale
Info foto

Getty Images

Figure skating - US Nationals 2016

Adam Rippon sfata il tabù del titolo nazionale

I campionati nazionali statunitensi di pattinaggio di figura, ospitati dal “XCel Energy Center” di Saint Paul in Minnesota, hanno chiuso i battenti con il programma libero maschile.

Il segmento di gara si è rivelato decisivo per l'assegnazione del titolo, che, per la prima volta in carriera, è stato conquistato da Adam Rippon. Peraltro, nella medesima sede di gara, nel lontano 2008, l'allievo di Rafael Arutunian conquistò la vittoria nella competizione juniores.

La chiave di volta è stata rappresentata dalle generose valutazioni dei giudici sulle componenti del programma e sul grado di esecuzione, che hanno consentito al vincitore di supplire alle lacune tecniche essenzialmente traducibili nella non padronanza di salti quadrupli. Il ventiseienne di stanza in California, sceso in pista sulle note di un medley dei Beatles coreografato da Jeffrey Buttle, è caduto sul quadruplo lutz di apertura, più vicino ad essere degradato che sottoruotato, ma ha saputo reagire all'abituale passaggio a vuoto completando otto salti tripli, tra cui due axel. Va anche rimarcato come rispetto alla concorrenza Rippon abbia gudagnato terreno per una qualità nettamente superiore di passi e trottole, fermo restando che da qui ad un +3 plebisicitario sul grado di esecuzione ce ne passa.

Max Aaron, leader della classifica al termine del programma corto, ha mancato il successo per poco più di un punto e rimpiangerà a lungo un salchow doppio anzichè triplo, che lo ha privato del primo posto. Il ventitreenne di Scottsdale ha comunque ben eseguito due quadrupli salchow, due doppi axel e cinque salti tripli, tra cui due axel, ma nel segmento più lungo di gara è stato preceduto da Rippon sia sul fronte tecnico che sulla valutazione di ciascuna voce delle componenti del programma.

Il terzo posto, a stretto contatto con i più navigati connazionali, è andato al sedicenne Nathan Chen, che a Saint Paul ha scritto una pagina indelebile di storia diventando il primo pattinatore a stelle e strisce ad atterrare quattro salti quadrupli nel programma libero e sei nell'intera competizione.  Il vincitore dell'ultima finale di Junior Grand Prix, capace di completare anche quattro salti tripli nella seconda metà della musica, ha sfondato i cento punti sul versante tecnico, ma ha pagato dazio in maniera rilevante sulle componenti del programma. Chen, inizialmente intenzionato ad eseguire tre salti quadrupli, ha cambiato spartito in corsa aggiungendo un secondo quadruplo toeloop. Fatale in chiave vittoria si è rivelata una caduta sull'unico tentativo di triplo axel.

Il resto della concorrenza è stato regolato a debita distanza dal veterano Grant Hochstein, che ha superato in rimonta l'atteso Ross Miner, venuto meno nel programma libero dopo un corto da primo della classe.

Si attendono ora le scelte della federazione statunitense in vista dei Campionati mondiali. Gira voce con insistenza che Jason Brown, assente a Saint Paul, reclami uno dei tre posti a disposizione. Alla luce dei risultati di questa stagione, ci si domanda quali siano le credenziali a fondamento della pretesa, ma a breve verrà reso noto il responso della federazione statunitense.

 

CLASSIFICA FINALE

01) Adam Rippon
(88.01|182.74) 270.75          
02) Max Aaron
(91.83|177.72) 269.55
03) Nathan Chen
(86.33|180.60) 266.99             
04) Ross Miner
(90.90|157.11) 248.01
05) Grant Hochstein
(79.26|173.58) 252.84          
06) Alexander Johnson
(73.69|168.25) 241.94          
07) Timothy Dolensky
(80.01|156.12) 236.13          
08) Vincent Zhou
(68.10|149.13) 217.23          
09) Sean Rabbitt
(66.71|125.92) 192.63          
10) Daniel Kulenkamp
(56.97|130.37) 187.34          
11) Scott Dyer
(59.67|122.43) 182.10          
12) Shotaro Omori
(63.82|117.67) 181.49          
03) Emmanuel Savary
(62.96|116.36) 179.32          
14) Sebastien Payannet
(56.10|116.58) 172.68          
15) Ben Jalovick
(48.16|119.17) 167.33          
16) Jimmy Ma
(51.95|109.68) 161.63          
17) Robert Przepioski
(49.38|111.16) 160.54          
18) Curran Oi
(48.66|101.40) 150.06          
19) Eric Stinehart
(49.11|92.39) 141.50           

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social