Questo sito contribuisce alla audience de

Cortina Curling Cup, è tutto pronto per una prima storica: tanta attesa per il Team Constantini

Foto di Redazione
Info foto

Getty Images

Curlingl'evento

Cortina Curling Cup, è tutto pronto per una prima storica: tanta attesa per il Team Constantini

Dall'11 al 13 gennaio, la tappa del World Curling Tour con dieci formazioni femminili protagoniste di un evento che, sul ghiaccio dello Stadio Olimpico, regalerà uno spettacolo di alto livello. La campionessa olimpica guida una delle due squadre italiane.

Mancano ormai poche ore al via della prima edizione della Cortina Curling Cup, evento che da giovedì 11 a sabato 13 gennaio vedrà confrontarsi allo Stadio Olimpico del ghiaccio di Cortina d'Ampezzo dieci tra le migliori squadre femminili del curling mondiale, impegnate in quella che è l'unica tappa italiana del World Curling Tour.

L'organizzazione è a cura di Fondazione Cortina, in sinergia con Associazione Curling Cortina. A scendere sul ghiaccio dell'Olimpico, struttura realizzata per i Giochi del 1956 e che ospiterà le Olimpiadi del 2026, saranno due formazioni italiane, il Team Constantini (con Stefania Constantini - vincitrice della medaglia d'oro ai Giochi di Pechino 2022 nel doppio misto con Amos Mosaner - Elena Antonia Mathis, Marta Lo Deserto, Giulia Zardini Lacedelli e Angela Romei) grande protagonista anche in stagione a livello di Grand Slam, e il Team Mariani (Rebecca Mariani, Camilla Gilberti, Lucrezia Grande e Rachele Scalesse le componenti), più formazioni di Corea del Sud (il Team Gim, seconda squadra del ranking mondiale), Germania (il Team Abbes), Svizzera (il Team Huerlimann e il Team Schwaller), Estonia (il Team Kaldvee), Scozia (il Team Munro), Norvegia (il Team Roervik) e Turchia con il Team Yildiz.

Un evento di altissimo livello internazionale ritorna a Cortina, culla del curling italiano, a distanza di una quindicina d'anni - sottolinea Alessandro Zisa, presidente del Curling Club Dolomiti e membro del comitato Curling di Fondazione Cortina - Nel 2009 il ghiaccio dell'Olimpico aveva ospitato i Mondiali di curling del mixed double, mentre nel 2010 era stato cornice della rassegna iridata maschile. La Cortina Curling Cup sarà un'occasione di promozione del nostro bellissimo sport e anche un'opportunità per atleti e organizzazione di testare quella che sarà la struttura che ospiterà i Giochi del 2026”.

I lavori di allestimento del ghiaccio sono cominciati nella giornata di sabato e proseguiranno fino alla mattinata di mercoledì. Si tratta di un lavoro certosino nel quale gli addetti sono impegnati una decina di ore al giorno. L'opera di “costruzione” del ghiaccio è coordinata dagli ice maker Ivan Moglia e Marcello Pachner. “Siamo in sei a lavorare per la realizzazione del ghiaccio dell'Olimpico - spiega Moglia - Abbiamo cominciato sabato con la prima fase, quella della realizzazione – a mano - dei cerchi, per poi procedere con l'allagamento del campo gara.

In queste ultime ore stiamo completando la levigazione del ghiaccio perché tutto sia perfetto per il pomeriggio di mercoledì quando le squadre potranno scendere sui tre campi di gara per l'allenamento in vista delle gare di giovedì”.

Il programma della Cortina Curling Cup prenderà il via giovedì 11 gennaio, dalle ore 10, con subito in pista il Team Constantini (sul campo B sarà opposto alle ragazze svizzere del Team Schwaller). Gli incontri della prima giornata andranno avanti fino alla serata (le ultime partite inizieranno alle 18). Giovedì 12 gennaio si comincerà alle 8 del mattino per proseguire fino alla tarda serata (ultime partite alle 20) mentre la giornata conclusiva, sabato 13, inizierà alle 8 per proporre le semifinali alle 11.30 e le finali alle 15.

Per tutte e tre le giornate, l'ingresso del pubblico è gratuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
40
Consensi sui social

Più letti in Sport invernali

Mowinckel, l'annuncio shock: Sì, mi ritirerò a fine stagione. Sono felice di lasciare al vertice

Mowinckel, l'annuncio shock: Sì, mi ritirerò a fine stagione. Sono felice di lasciare al vertice

La campionessa norvegese annuncia lo stop agonistico dopo le finali di Saalbach: lascerà con gli splendidi argenti olimpici di PyeongChang 2018, vittorie in CdM in tre discipline e quel sorriso che resta nel cuore di tutti gli appassionati.