Mercoledì 17 Luglio, 23:26
Utenti online: 399
Dario Puppo
Dario Puppo
Giornalista e commentatore sportivo

A un anno dalle Olimpiadi l'Italia vince uno storico argento iridato a Sochi

A un anno dalle Olimpiadi l'Italia vince uno storico argento iridato a Sochi

Ai Campionati del mondo senior di curling disputati nella sede degli ultimi Giochi invernali, il team femminile del Draghi di Torino centra un'impresa storica regalando al nostro moviemnto un secondo posto mai ottenuto in nessuna categoria

Il percorso che ha portato Fiona Grace Simpson, Grazia Ferrero, Fulvia Tiboldo (del Biella CC) e Vittoria Santini a qualificarsi addirittura per la finale ha dell’incredibile.

Chiuso il gruppo B del round robin al terzo e penultimo posto parimerito con altre due squadre, grazie ad un miglior DSC, il quartetto italiano si è garantito il tie-break con l’Inghilterra per i quarti: con la mano rubata da 3 nel secondo end, le torinesi si sono portate avanti 4-0 prima di avere la meglio per 6-3 nel settimo (questo tipo di competizione si gioca al meglio delle otto mani).

Nella sfida successiva con la Finlandia, seconda classifica del girone A, non c’è stata storia. Le azzurre, che dopo la batosta all’esordio con il Canada hanno invertito l’ordine di lancio affidando gli ultimi due stone a Ferrero spostando la skip Simpson da tre, si sono trovate già sul 7-1 nel quarto per poi chiude 9-3 al settimo.

Il capolavoro è arrivato però in semifinale con gli Stati Uniti della skip Norma O’Leary (il marito ha vinto il bronzo ai Mondiali assoluti nel 1963), capaci di aggiudicarsi da imbattute il primo posto nel gruppo dell’Italia. Nonostante 4 punti subiti nel settimo che hanno permesso alle americane di arrivare all’insperata parità, la formazione del Draghi Curling Club è riuscita a ottenere il punto decisivo del 7-6 nella mano successiva che ha regalato al nostro movimento la prima storica finale iridata, se pur a livello senior: in precedenza solo Diana Gaspari aveva vinto una medaglia nella rassegna junior del 2003 sul ghiaccio di Flims, in Svizzera.

Nella partita per l’oro di ieri il Canada di Lois Fowler si è dimostrato superiore prendendo il controllo nelle prime tre mani portandosi sul 4-1 prima del definitivo 6-2.

Ormai è innegabile che il curling italiano meriti da parte del Coni e della Fisg un maggior sostegno economico, soprattutto per permettere di prepararsi al meglio e più serenamente alle squadre di vertice come quella dei pluricampioni italiani del Trentino Curling di Cembra. Loro, come altri team italiani, sia maschili che femminili, solo così possono provare ad avvicinare ulteriormente le più forti nazionali al mondo composte da giocatori professionisti.

In campo maschile a Sochi la vittoria è andata agli Usa, davanti a Canada e Nuova Zelanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA