Sabato 17 Agosto, 12:52
Utenti online: 905
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Redazione Sport

foto di City Biathlon

Show dei fratelli Boe al City Biathlon, Lukas Hofer c'è all'esordio con un buon 4° posto

Show dei fratelli Boe al City Biathlon, Lukas Hofer c'è all'esordio con un buon 4° posto

Tarjei batte Johannes Thingnes a Wiesbaden, l'altoatesino comincia la stagione col piede giusto.

La gara maschile del City Biathlon nella cittadina tedesca, che ha seguito la prova femminile con doppio podio azzurro firmato Vittozzi (prima) e Wierer (terza), ha dato anch'essa indicazioni già molto interessanti in vista della stagione invernale, con tanti big del circuito al via (pur mancando Martin Fourcade, che si era visto con ottimi risultati al BlinkFestivalen).

I fratelli Boe firmano la prima doppietta stagionale, ma Lukas Hofer esordisce in maniera molto positiva, specialmente per la prestazione mostrata sugli skiroll, chiudendo al 4° posto dopo essersi solo allenato con i compagni di squadra nel corso della trasferta norvegese.

Una gara cominciata subito nel segno del vincitore dell'ultima Coppa del Mondo e di Tarjei, scappati dopo il primo poligono proprio in compagnia di un Hofer ancora immacolato a livello di errori, prima di commetterne due (salvandosi bene con le ricariche) al secondo poligono e staccarsi in maniera definitiva dai norvegesi, raggiunto anche da un solido Fillon Maillet (nel frattempo una caduta taglia fuori Simon Eder).

A quel punto comincia la lotta per il podio, mentre Tarjei Boe stacca il fratello nonostante un triplo errore al terzo poligono, visto che Johannes Thingnes viene prima ripreso, poi regolato nettamente (30” il distacco finale) nelle ultime due sfide al tiro, mentre Hofer si incarta sull'ultimo colpo del terzo poligono, finisce in penalità e scala al 4° e poi al 5° posto dietro anche a Rees. L'ultimo giro di Lukas, però, dimostra già un'ottima condizione, con il tedesco saltato facilmente e Fillon Maillet che, arrivato a 1'02” da Tarjei Boe, salva il podio per soli 5 secondi, con Rees quinto e Doll sesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA