Questo sito contribuisce alla audience de

Fillon Maillet non si ferma: pettorale sempre più giallo con la vittoria nella Sprint di Ruhpolding

Foto di Redazione
Info foto

GETTY IMAGES

Biathloncoppa del mondo 2021/22

Fillon Maillet non si ferma: pettorale sempre più giallo con la vittoria nella Sprint di Ruhpolding

Biathlon: in una gara con tante assenze e inserimenti di outsider, gli azzurri non ne approfittano anche se il rientro di Hofer è buono e Windisch chiude nei 15 (con un errore all'ultimo bersaglio che costa un grande risultato). Sul podio salgono Doll e Smolski.

Quentin Fillon Maillet non si ferma davvero più.

Il leader di Coppa del Mondo approfitta al meglio della situazione, vince anche la Sprint di Ruhpolding e scappa in classifica generale, sfruttando anche la gara peggiore di stagione del connazionale e primo inseguitore, Emilien Jacquelin, che commette 4 errori al poligono e finisce ben al di fuori della zona punti, a 1'42” dal compagno di squadra e addirittura oltre la 50esima posizione.

Assenti 5 norvegesi dei primi 15 della generale (con 8 assenti complessivi), compreso Johannes Boe, tutti in preparazione verso Pechino 2022, oltre ad atleti importanti come Latypov e Kuehn, fermati dal Covid, il francese è stato nuovamente perfetto prendendosi la prima vittoria stagionale in una Sprint, con il doppio zero necessario per battere, di soli 7”2, un gran Benedikt Doll.

Arriva un altro podio per Anton Smolski, che commette un errore in piedi ma strappa il terzo posto, chiudendo a 32”1 da Fillon Maillet, soffiandolo per un secondo e mezzo al lituano Vytautas Strolia, ad un passo dal sogno con una gara perfetta al poligono e di qualità sugli sci. Alle sue spalle, ecco Tero Seppala (5° a 41”9), che conferma una gran condizione e precede di 1”4 Erik Lesser, che commette un errore decisivo in piedi.

Gli azzurri avevano davvero una bella occasione (ma attenzione sabato alle possibilità in staffetta dell'Italia) e sono stati autori in generale di una gara buona, anche se c'era spazio per firmare il colpaccio come hanno fatto tante sorprese, pensiamo al giovanissimo francese Perrot ottavo o allo svizzero Burkhalter, anch'egli al best in carriera con la decima piazza, dietro a Pidruchnyi settimo e Desthieux nono, mentre Andersen è risultato il migliore delle seconde linee norvegesi (11°). Dominik Windisch ottiene il miglior piazzamento di questa annata, 13° a 56”2, con il rimpianto di quell'ultimo bersaglio mancato in piedi, costato un probabile podio; Lukas Hofer rientra col sorriso, dopo lo stop pre Oberhof, si piazza 16° a 1'01” (con un solo errore in piedi) e può guardare ad un buon Inseguimento per domenica.

E poi c'è la 33esima piazza di Thomas Bormolini (1+1), distante 1'20”, la 38esima di Didier Bionaz, appena alle spalle del livignasco con il solo errore a terra, mentre Tommaso Giacomel rimane escluso per un soffio dall'Inseguimento, 61° a 1'51”8 con 4 errori al poligono, di cui 3 sanguinosi a terra, ma una prestazione di livello sugli sci.

Venerdì la prosecuzione della tappa di Ruhpolding con la staffetta femminile, al via sempre alle ore 14.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
7
Consensi sui social