Questo sito contribuisce alla audience de

Bionaz in apertura, poi Nawrath e tutti i big: alle 11.30 si parte con la Sprint di Hochfilzen

Bionaz in apertura, poi Nawrath e tutti i big: alle 11.30 si parte con la Sprint di Hochfilzen
Info foto

2021 Getty Images

Biathloncoppa del mondo 2023/24

Bionaz in apertura, poi Nawrath e tutti i big: alle 11.30 si parte con la Sprint di Hochfilzen

La Sprint maschile, al via alle 11.30, apre la seconda tappa di Coppa del Mondo sulle nevi austriache. Alle 14.25 toccherà invece alle donne scendere in pista, prima degli Inseguimenti di sabato e delle staffette di domenica. Cinque gli azzurri in lista di partenza, gli stessi visti a Oestersund, che proveranno a confermare i buoni risultati ottenuti in Svezia.

Si preannuncia una gara apertissima e... lunghissima oggi in occasione della Sprint di Hochfilzen. Gli atleti di punta sono infatti divisi nei primi tre gruppi e per avere un quadro completo della situazione si dovrà attendere almeno Sturla Holm Laegreid, al via con il 67. Il norvegese ha deluso a Oestersund, ma proverà subito a riscattarsi, anche per cercare di mantenere il posto in CdM, dal momento che la competitività in casa norge è altissima e i giovani in Ibu Cup fanno già faville. Tra gli scandivani, Soerum (25) e Tarjei Boe (49) proveranno a confermarsi dopo il podio nella Sprint d'apertura, mentre c'è attesa per capire se Johannes Boe (21) avrà fatto un passo avanti in termini di condizione rispetto alla prima tappa stagionale. A Oestersund si è interrotto il filotto di vittorie nel format, ma il record assoluto di successi nelle Sprint è sempre lì a portata di mano e ogni gara potrebbe essere quella buona.

Dalla tappa svedese è uscita vincitrice una nazione in particolare: la Germania. Philipp Nawrath, grazie alla vittoria nella Sprint e al secondo posto nell'Inseguimento, si è assicurato il pettorale giallo di leader della classifica generale di Coppa del Mondo. Il tedesco sarà nel primo gruppo con il numero 9 e guiderà una pattuglia temibilissima, con i vari Rees, Strelow, Kuehn e Doll, pronti a far saltare nuovamente il banco. Fondamentale sarà la preparazione dei materiali, eccezionali per la Germania nel ghiaccio di Oestersund.

Il gruppo di partenza più folto sarà però il secondo, dove ci sarà anche Sebastian Samuelsson (28), l'uomo più veloce sugli sci, vincitore dell'Inseguimento di casa e uno dei principali favoriti per la vittoria. La Svezia potrà contare anche su Ponsiluoma (45), mentre sarà ancora assente Jesper Nelin. Oltre allo svedese non saranno della partita neanche lo svizzero Hartweg, fermato dal covid, il finlandese Tero Seppala e lo statunitense Campbell Wright. Non ci sarà nemmeno Simon Eder, che dovrà saltare la tappa di casa.

Cinque gli azzurri al via, gli stessi visti nell'opening stagionale. Sarà un'Italia con tre carte pesanti quella che vedremo nella Sprint di Hochfilzen, anche se il contesto di gara, storicamente, non ha mai sorriso agli azzurri. In apertura di gara con il pettorale 1 vedremo Didier Bionaz, che proverà a confermarsi dopo un inizio di stagione spumeggiante. Poi con il 12 e il pettorale blu di miglior under 25 ecco invece Tommaso Giacomel. La terza carta sarà Lukas Hofer, inserito nel secondo gruppo con il 37, prima di Zeni (56) e Braunhofer (95). 

I precedenti ad Hochfilzen parlano di un predominio norvegese. Johannes Boe vanta ben cinque vittorie del format, Tarjei due ottenute oltre un decennio fa, Dale e Laegreid una a testa. Da queste parti hanno fatto la voce grossa anche i tedeschi, in particolare Doll vincitore nel 2017 e Kuehn nel 2021. Sono già saliti sul podio anche tutti i francesi di punta, che proveranno a riscattare un inizio davvero complicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
24
Consensi sui social

Ultimi in biathlon

Vittozzi vince la terza sfera di cristallo della 15 km, ma deve recuperare 93 punti a Tandrevold a 5 gare dal termine

Vittozzi vince la terza sfera di cristallo della 15 km, ma deve recuperare 93 punti a Tandrevold a 5 gare dal termine

Con la tappa di Oslo-Holmenkollen, la Coppa del Mondo di Biathlon, prima di muoversi in Nord America per i due atti finali, ha assegnato la prima sfera di cristallo di specialità. E' Lisa Vittozzi a conquistare per la terza volta in carriera il primato nell'Individuale femminile, la sfida per la generale rimane aperta ma l'allungo della norvegese è stato importante.