Questo sito contribuisce alla audience de

Il sogno olimpico dello Scialpinismo passa per la Corea del Sud

Il sogno olimpico dello Scialpinismo passa per la Corea del Sud
Sci AlpinismoOlimpiadi

Il sogno olimpico dello Scialpinismo passa per la Corea del Sud

E' grande ed importante: è il sogno olimpico dello Scialpinismo. Il popolo dello “Skimo” insegue questa obiettivo ormai da qualche tempo, con la speranza di entrare nella grande famiglia a cinque cerchi delle Olimpiadi invernali.

Lo Scialpinismo è uno dei pochi sport che registra, in questi anni, numeri in positivo: così dicono le statistiche che registrano sia il numero di praticanti e atleti, sia quello degli appassionati della domenica. Tutti, del resto, neofiti o esperti, “pellano” i propri sci con l’unico obiettivo di saggiare le emozioni uniche che solo la montagna sa regalare.

Per questo, accanto alle attività agonistiche, la ISMF - Federazione internazionale di Scialpinismo si sta impegnando per rispondere ai requisiti richiesti dal CIO – Comitato olimpico internazionale per entrare a far parte dei Giochi.

Il CIO ha già manifestato la sua vicinanza allo Scialpinismo assegnando alla Federsci, nell’aprile 2014, un riconoscimento d’interesse provvisorio. 

Ora si attende un passo ulteriore: la prossima estate Il CIO deciderà se accordare alla ISMF il pieno riconoscimento e da qui potrà partire un conto alla rovescia ufficiale.Abbiamo di fronte una strada ancora lunga – spiega Armando Mariotta, presidente della ISMF – ma ci sono molte ragioni per cui il nostro sogno potrebbe realizzarsi”.

Uno degli aspetti più importanti è la sostenibilità di questo sport: l’ingrediente principale di ogni gara di Scialpinismo è solo e soltanto la natura e, così come il CIO raccomanda, tutte le strutture necessarie sui luoghi di gara sono rimovibili, momentanee e quindi rispettose dell’ambiente.

“Sono tre le discipline che speriamo siano promosse come olimpiche - spiega Lluis Lopez, vice presidente Sport ed Eventi di ISMF : si tratta della Vertical, della Sprint e della Individual”.

L’idea della Federazione e del Comitato olimpico è quella di lavorare ad una sorta di “showcase”, una vetrina per lo Scialpinismo da aprire durante i Giochi 2018 a Pyeongchang in Sud Corea.

 “Quello sarebbe il luogo ideale per dimostrare quale sia la natura dello Scialpinismo e quali siano i valori di questo tipo di competizione”, spiega Marco Mosso, vice presidente marketing di ISMF.

In questi tre anni è stato fatto molto per sviluppare questo sport. Innanzitutto la Coppa del Mondo è diventata più internazionale con molti eventi distribuiti in buona parte dell’Europa e con molte collaborazioni con gli altri circuiti scialpinistici del mondo.

La nuova collaborazione con Infront, leader nella consulenza sportiva, ha permesso un ulteriore professionale passo avanti nel marketing e nella comunicazione.    “La multinazionale italo – svizzera rinsalda i nostri sforzi nel promuovere lo Scialpinismo - aggiunge Mariotta - Infront si occupa della produzione televisiva, gestendo e promuovendo la trasmissione di una serie di  highlights in alcune gare. Per nostro conto, poi, Infront si sta anche occupando della distribuzione dei diritti televisivi e delle sponsorizzazioni in alcune località di gara della coppa del Mondo”.

Infine, fra pochi giorni, ISMF sarà in “tour” in Sud Corea per partecipare alle gare dell’Asian series. La delegazione federale, che include il presidente Mariotta e il direttore tecnico Gil Orriols Jansana, lavorerà fianco a fianco con gli organizzatori locali dei due eventi – una gara Vertical ed una Individual  -. Nella stessa trasferta è anche previsto un incontro con il vice presidente del Comitato olimpico di Pyeongchang 2018. In agenda la possibilità di organizzare uno “showcase”, per raccontare lo scialpinismo durante i Giochi del 2018.

Lucia Galli
ISMF International Ski mountaineering Federation

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social