Questo sito contribuisce alla audience de

Yuzuru Hanyu subito in testa dopo il programma corto dell'artistico maschile

Yuzuru Hanyu subito in testa dopo il programma corto dell'artistico maschile
Info foto

Getty Images

Figure SkatingPattinaggio di figura

Yuzuru Hanyu subito in testa dopo il programma corto dell'artistico maschile

Sono subito scintille nel programma corto dell’artistico maschile del pattinaggio di figura.

E’ subito in testa il campione olimpico in carica, il giapponese Yuzuru Hanyu, che con 111,68 punti ha sfiorato il suo record mondiale di 112,72 da lui stabilito all’Autumn Classic dello scorso settembre. Molto vicini al personale anche lo spagnolo Javier Fernández, campione europeo negli ultimi sei anni, con 107,58, e l’altro giapponese Shoma Uno con 104,17, mentre l’ha migliorato il cinese Jin Boyang arrivando a 103,32. Ventitreesimo e penultimo dei qualificati al programma libero di questa notte Matteo Rizzo con 75,63 punti, non lontano dai 78,26 ottenuto agli Europei di Mosca del mese scorso quando è stato nono.

Primo storico oro per la Corea del Sud nello skeleton maschile grazie al vincitore dell’ultima Coppa del Mondo, Yun Sung-bin, che ha preceduto di 1”63 il russo Nikita Tregubov, argento. Il bronzo va a sorpresa al britannico Dom Parsons, un solo podio per lui in Coppa del Mondo risalente a quattro anni fa, e oggi staccato di 1”65 dal beniamino locale. Ha deluso il principale rivale di Yun in Coppa, il tedesco Axel Jungk, settimo, quarto e quinto i fratelli lettoni Martins e Tomas Dukurs, pr il primo l’oro olimpico continua a restare una chimera. Negli aerials femminili dl freestyle la bielorussa Hanna Huskova succede alla connazionale Alla Tsuper, oggi quarta, sul gradino più alto del podio. Argento e bronzo alle cinesi Zhang Xin e Kong Fanyu.

Nei 5000 metri del pattinaggio di velocità, la distanza femminile più lunga, successo a sorpresa dell’olandese Esmee Visser, 22enne in continua crescita che oggi ha migliorato di oltre sei secondi il suo personale col crono di 6’50”23 battendo di 1”62 la vincitrice degli ultimi due titoli olimpici e di nove titoli mondiali sulla distanza, la ceca Martina Sáblíková, argento. Bronzo a 3”75 per la russa Nataliya Voronina che ha pattinato nella stessa batteria di Sáblíková, mentre sfuma il sogno di tornare per la decima volta sul podio olimpico a distanza di 12 anni dall’ultima volta la tedesca Claudia Pechstain, 46 anni tra sei giorni, che ha disputato ka sua diciassettesima gara olimpica in sette edizioni chiudendo ottava a oltre 15 secondi da Visser, che ha regalato all’Olanda il quarto oro in quattro gare della pista lunga femminile. Nel curling maschile lItalia combatte ma cede per 6-4 alla Danimarca, ora è a quota 2 vittorie e 2 sconfitte.

Twitter: @quila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Consensi sui social