Questo sito contribuisce alla audience de

Secondo oro olimpico nella danza per Tessa Virtue e Scott Moir

Secondo oro olimpico nella danza per Tessa Virtue e Scott Moir
Info foto

Getty Images

Figure SkatingPattinaggio di figura

Secondo oro olimpico nella danza per Tessa Virtue e Scott Moir

Al termine di un entusiasmante programma libero della danza Tessa Virtue e Scott Moir vincono il loro terzo oro olimpico in carriera dopo quello nella stessa gara nel 2010 in casa a Vancouver e nella gara a squadre conclusasi otto giorni fa ed entrano definitivamente nella leggenda.

I due canadesi con tre ori e due argenti, entrambi vinti a Sochi 2014, sono i primi nella storia ad arrivare a quota cinque medaglie a cinque cerchi nel pattinaggio di figura staccando lo svedese Gilles Grafström, tre ori e un argento tra il 1920 e il 1932, e il russo Evgeny Plushenko, due ori e due argenti tra il 2002 e il 2014. Oggi hanno dovuto superarsi per sopravanzare i francesi Gabriella Papadakis e Guillaume Cizeron, che dopo il programma corto erano alle spalle dei nordamericani di 1,74 punti, e che nel programma libero hanno stabilito il nuovo record del mondo del segmento con 123,35 migliorando se stessi di 1,48 punti, nonché il nuovo record del mondo per quanto riguarda il punteggio totale, 205,28 contro i 203,16 degli ultimi Europei.

Ma gli ultimi a scendere in pista sono stati Virtue e Moir i quali, appunto, si sono superati: con 122,40 punti non sono riusciti a essere i migliori di giornata ma la cosa più importante è che hanno scavalcato i transalpini col punteggio totale di 206,07, 79 centesimi meglio dei loro avversari: come ai Mondiali dell’anno scorso è stato decisivo per l’oro il programma corto anche se stavolta Virtue e Moir avevano molto meno vantaggio rispetto a Papadakis e Cizeron, che anche stavolta devono accontentarsi dell’argento.

Il derby statunitense per il bronzo è andato ai fratelli di origine nipponica Maia e Alex Shibutani, che con 192,59 punti hanno scavalcato Madison Hubbell e Zachary Donohue (187,69), ai quali come agli scorsi Mondiali è stato fatale il libero, allora erano scesi dal terzo al nono posto, stavolta hanno perso una sola posizione. Quinti i russi Ekaterina Bobrova e Dmitry Soloviev, che scavalcano la coppia di veterani azzurri Anna Cappellini e Luca Lanotte, i quali eguagliano il sesto posto di Sochi. Decimo Charlene Guignard e Marco Fabbri che si migliorano di quattro posizioni rispetto a quattro anni fa: per la prima volta due coppie azzurre sono tra le primi dieci di una danza olimpica.

Cambiando completamente sport, le stesse nazioni che hanno preso le medaglie della danza, hanno vinto gli stessi identici metalli nell’halfpipe femminile del freestyle: l’oro è andato alla canadese Cassie Sharpe, che dopo aver ricevuto 94,40 punti per la prima run della finale si è migliorata nella seconda con 95,80, l’argento, come a Sochi, l’ha vinto la francese Marie Martino, 92,60 nella seconda run dopo il 92,20 nella prima, bronzo alla statunitense Brita Sigourney, 91,60 nella terza run.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
47
Consensi sui social