Questo sito contribuisce alla audience de

Il bilancio di Roda: "Atleti in forma, ci siamo per le Olimpiadi. La sicurezza a livello sanitario è la priorità"

Foto di Redazione
Info foto

Pentaphoto

Olimpiadil'intervista

Il bilancio di Roda: "Atleti in forma, ci siamo per le Olimpiadi. La sicurezza a livello sanitario è la priorità"

A Bormio, oggi ha parlato il presidente federale per tracciare un bilancio del 2021 e pensare ai Giochi di Pechino ("nessun criterio preciso per la qualificazione, andranno i più meritevoli"), ma pure a quelli di Milano-Cortina 2026 che passeranno anche dalla stessa località valtellinese.

A margine dell'ultimo appuntamento agonistico del 2021, che terminerà giovedì con la terza gara sulla Stelvio di Bormio, Flavio Roda ha tracciato un bilancio dell'annata azzurra per la FISI, dando già uno sguardo ai prossimi Giochi Olimpici di Pechino 2022, sia sul piano tecnico-sportivo che sul fronte della sicurezza a livello sanitario, ma anche a quelli di casa di Milano-Cortina 2026. “Questa è una stagione da gestire con molta attenzione - ha detto il presidente federale - sotto ogni punto di vista. In proiezione olimpica, le squadre di tutte le specialità hanno lavorato al meglio, profondendo grande impegno, alcuni atleti sono già nella condizione ottimale e altri ci stanno arrivando”.

Si punta in alto per l'evento a cinque cerchi. “Lo sci alpino è una delle discipline con maggiori chances di medaglia, la vittoria di Paris qui a Bormio è un grandissimo segnale, quando le piste diventano toste e impegnative ha dimostrato di essere in condizione di centrare grandi risultati. Chi non è ancora al top della condizione è il settore del biathlon, ma sono fiducioso che quando riusciranno a rimettere a posto la mira, le cose si sistemeranno. In vista delle Olimpiadi di Pechino dovremo essere bravi a gestire e tutelare la salute degli atleti anche dal punto di vista sanitario.

Il limite per presentare le liste dei convocati è il 24 gennaio. I tecnici sceglieranno gli elementi da portare in base alla condizione e ai risultati ottenuti in stagione; a loro spetterà l'ultima parola, non ci sono dei criteri precisi, come in passato. Andranno i più meritevoli oltre ad alcuni giovani che dovranno incamerare esperienza”.

Casa Italia collection FISI ha debuttato a Bormio in Coppa del Mondo. “E' un progetto importante e significativo. Ringrazio Sport e Salute e il Coni per aver approntato questa bellissima e funzionale struttura. Il progetto comincia ora e durerà fino all'Olimpiade italiana del 2026. Posso assicurare che stiamo cercando di dare il massimo su tutti i fronti, sia ai massimi livelli sia nel settore giovanile. In proiezione futura vorremmo che bob e slittino diventassero più competitivi. A livello giovanile abbiamo ottimi segnali da fondo e biathlon”.

FISI ha ideato, con Col. Naz e Amsi, un'iniziativa per riavvicinare anche i turisti alla montagna. “Il settore montagna e quello dei maestri di sci in particolare sono stati penalizzati fortemente l'anno scorso dalla pandemia, quindi mi è sembrato giusto proporre iniziative per aiutare il settore. Allo stesso modo abbiamo aiutato anche gli Sci Club, perché potessero ripartire con l'attività di base. Dobbiamo dare il massimo per supportare tutto il sistema montagna, bisogna assolutamente tener viva l'attività per i comprensori. Lì c'è la base per i nostri sport che non possiamo assolutamente dimenticare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
28
Consensi sui social

Più letti in Sport invernali