Questo sito contribuisce alla audience de

TEST: Dalbello DS Asolo Factory GW MS

Test MaterialiTest scarponi

TEST: Dalbello DS Asolo Factory GW MS

Oggi vi presentiamo sulla neve un prodotto molto interessante per il connubio tra performance e leggerezza, il Dalbello DS Asolo Factory il modello di punta della linea DS con le innovative tecnologie POWERCAGE e 3D GRIP TEXTURE.

Lo scarpone è stato presentato lo scorso anno a ISPO Monaco, lo abbiamo testato con flex 130 e pianta 98mm.

Iniziamo con qualche dato tecnico: lo scafo utilizza il Grilamid al posto del poliuretano, con una resistenza al graffio e all'urto decisamente elevata e offre un peso molto contenuto, si tratta di meno di 1700gr per la taglia 25.5 oggetto della prova.
Viene fornito con il Gripwalk pre-montato, ma c’è la possibilità di sostituire le suole con quelle tradizionali, ha inoltre un plantare aggiuntivo per ridurre i volumi interni.

E’ proprio quest’ultimo aspetto che impressiona di più: pur essendo uno scarpone di fascia alta ha una comodità fuori dal comune, nessun punto di pressione (forse leggermente zona tallone/tendine d’Achille), con una pianta veramente ampia, sembra molto di più del dichiarato.
Ha un buon flex, omogeneo senza essere eccessivamente duro, ovviamente un flex index 130 da non paragonare ai modelli “racing” ma ai normali scarponi da negozio.

La costruzione Powercage, che offre una struttura in materiale più rigido, garantisce un elevato controllo un’ottima trasmissione degli impulsi. E’ soprattutto sulla spinta laterale che ci si appassiona di questo prodotto, permette di carvare con molta facilità, senza impedimenti e con un ingresso curva agevolato.
E' subito evidente la leggerezza della struttura: i grammi in meno si notano subito appena si cammina sulla neve e la sensazione di minor vincolo e più agio la sia ha anche durante la sciata.

Un difetto, se così si può dire, è l’assenza dell’opzione Booster Strap/velcro elastico per uno scarpone di fascia così alta: chi è abituato nel sentirà la mancanza.
La scarpetta appare, dopo qualche giorno di prova, ben imbottita, calda e non troppo spessa: tutti lati positivi che permettono e promettono luna vita allo scarpone, senza eccessivi cedimenti e assottigliamenti dell’imbottitura. In più è dotato della tecnologia My Fit, che permette la personalizzazione della scarpetta e dello scafo.

Questo scarpone è perfetto per il granturismo, per le lunghe giornate di sci senza aprirlo quasi mai. Lo consigliamo sia a chi vuole “scendere” dal racing trovando comunque uno scarpone sempre pronto sia al turista che ha deciso di investire nell’acquisto di un nuovo prodotto e vuole puntare in alto. Solo chi arriva dagli stretti volumi del racing dovrà provare bene lo scarpone a secco per scegliere, eventualmente, una taglia in meno del solito.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
36
Consensi sui social