Questo sito contribuisce alla audience de

Il nuovo DRS tra le novità 2020/21 di Dalbello

Scarponiinverno 2021

Il nuovo DRS tra le novità 2020/21 di Dalbello

L’arma da gara dell’azienda italiana per la prossima stagione? Il nuovo DRS. Un’eccellente calzata e prestazioni convincenti, a prova di Coppa del Mondo.

La sensibilità italiana nei confronti di un design unico e moderno, con soluzioni tecnologiche e passione per gli scarponi ha reso Dalbello un marchio leader, vincitore di medaglie olimpiche e supporto dei principali atleti del freeride e delle gare di Coppa del Mondo. "Ma dietro tante vittorie c’è un team di atleti eccezionali che hanno influenzato molto il prodotto e le sue prestazioni. La loro esperienza e l’utilizzo quotidiano facilitano un miglioramento costante e continuo", racconta Giuseppe Bianchini, Produc Manager del brand.

"Protagonista indiscusso nella gamma per la prossima gestione è il nuovo DRS. Una nuova scarpa da gara, un progetto completamente nuovo nelle grafiche, nei colori e nei dettagli. Abbiamo agito con la stessa combinazione di colori ma ingrandendo il logo che rimarrà sempre verde, il nostro colore di bandiera; nuove anche le leve nelle 3 dimensioni".

Sviluppato a ricalco della scarpa World Cup, sempre nei 5 flex, è la versione commerciale: non più 98mm di last ma 97mm per tutti i flex 140, 130 e 110. "La peculiarità di questo prodotto è quella di avere gli stessi stampi di quelli della Coppa del Mondo ma all’interno la scarpa è un 97mm, un po’ più confortevole e calda ma che garantisce le performances da World Cup. Altra novità il GripWalk per un maggior comfort durante la camminata e una miglior aderenza".

Il DS Asolo trova un nuovo last: più preciso e performante viene declinato nelle tre versioni uomo e tre da donna. Per il DS stampi nuovi per tutta la linea.

New entry assoluta per la prossima stagione, il primo scarpone da sci-alpinismo che va a completare tutta la gamma. Proposto in tre versioni, il Quantum Asolo Factory, il Quantum Asolo e il Quantum, nascono tutti con una scarpa da 950grammi, molto leggera. "Lo scafo è costruito da due mezzi gusci, uniti tramite un processo tecnologico ripreso dall’automotive che ha permesso di ottenere uno stampo dagli spessori molto sottili, un materiale più rigido che non saremmo stati in grado di realizzare usando la tecnologia tradizionale, garantendo un’ottima ergonomia e una forma sul tallone molto precisa", spiega Bianchini. Altra peculiarità il gambetto che consente ottima mobilità delle gambe durante la “pellata”.

#DALBELLO #DAFAMIGLIA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
360
Consensi sui social