Questo sito contribuisce alla audience de

Naeslund e Graf padroni della "Baranci". Quanti rimpianti per una splendida Jole Galli (5^)

Foto di Redazione
Info foto

2022 Getty Images

Freestylecoppa del mondo skicross

Naeslund e Graf padroni della "Baranci". Quanti rimpianti per una splendida Jole Galli (5^)

Coppa del Mondo di skicross: a San Candido vince sempre la svedese (ma che brivido per piegare Smith), con l'austriaco al secondo sigillo nella sua prima stagione in questa disciplina. La livignasca, eliminata per un soffio in semifinale, domina la small final. E giovedì si replica.

Una Sandra Naeslund questa volta sul filo di lana e Mathias Graf che si conferma la nuova realtà dello skicross mondiale.

La quarta gara di CdM, la prima delle due consecutive previste sulla pista regina del circuito, la splendida “Baranci” di San Candido, incorona la svedese al poker consecutivo (e sono 15 vittorie nelle ultime 16 prove, per non parlare del titolo olimpico e mondiale), ma è brivido per Naeslund, che sbaglia l'uscita dal “Dragon” e rischia la beffa dall'eterna rivale Fanny Smith, che le arriva a soli 5 centesimi in una finale dominata dalle due regine dello skicross.

Terza Marielle Thompson, che in semifinale aveva beffato una splendida Jole Galli: la livignasca, rimontata sulla linea (a 6 centesimi dalla canadese) in una semifinale durissima, ha poi dominato la small final prendendosi il 5° posto finale, suo secondo miglior risultato in Coppa del Mondo.

Tra gli uomini, giornata complicata per i due azzurri qualificati per la fase finale, con Simone Deromedis fuori nei quarti di finale, anch'egli con qualche rimpianto, e Dominik Zuech negli ottavi.

Davvero imbattibile Mathias Graf, l'ex sciatore alpino che trionfa per la seconda volta in coppa, nella sua prima stagione tra i “grandi”, rifilando un distacco netto ai canadesi che lo sfidavano in finale, con Reece Howden secondo e Brady Leman terzo.

Giovedì si replica, con gara-2 dalle ore 12.00 (con diretta tv su Eurosport 1).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
19
Consensi sui social