Domenica 24 Settembre, 16:04
Utenti online: 739
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Fisi Pentaphoto

Aperte le votazioni per l'Atleta dell'Anno FISI 2017: chi succederà a Federico Pellegrino?

Aperte le votazioni per l'Atleta dell'Anno FISI 2017: chi succederà a Federico Pellegrino?

Sono 12 i candidati al premio Atleta dell’Anno FISI per il 2017, ormai tradizionale riconoscimento che si assegna da più di 30 anni.

Oggi con l’apertura delle votazioni è partita ufficialmente la 33a edizione. E’ possibile mandare la propria preferenza (un solo nome) all’indirizzo email atletafisi@fisi.org, e non serve votare due volte in quanto il sistema riconosce gli invii multipli e cancella, se doppio, il più recente in ordine di tempo.

La prima fase delle votazioni terminerà tra due settimane, il 20 settembre, quando resteranno in gara i cinque candidati più votati, i cui voti verranno azzerati e si potrà votare per loro fino al 2 ottobre. Il vincitore verrà annunciato nel corso della "Festa degli Azzurri" che si terrà presso la fiera di Skipass a ModenaFiere domenica 29 ottobre. Ecco le schede dei candidati come riportate da fisi.org.

SOFIA GOGGIA (FIAMME GIALLE) - Stella nascente del circuito femminile di sci alpino, ha collezionato le prime due vittorie in Coppa del mondo sulla pista di PyeongChang e un numero complessivo di podi (13) che nessun'altra sciatrice italiana è stata capace di fare in una singola stagione, grazie ai quali ha concluso al terzo posto nella classifica generale, al secondo in discesa e al terzo in gigante, con la gemma della medaglia di bronzo nel gigante dei Mondiali di St. Moritz.

FEDERICA BRIGNONE (CARABINIERI) - Tre vittorie stagionali la consacrano definitivamente fra le top del circuito femminile della Coppa del mondo di sci alpino, da specialista del gigante ha saputo trasformarsi in polivalente. Vincitrice fra le porte larghe a Plan Corones e Aspen e nella combinata alpina di Crans Montana, è salita complessivamente sul podio per sei volte e ha concluso al quinto posto nella graduatoria generale.

DOMINIK PARIS (CARABINIERI) - La vittoria nella discesa di Kitzbuehel vale da sola una carriera, se poi è la terza della carriera sulla celebre Streif (dopo quella del 2013 ancora in discesa e quella del 2015 in supergigante) conta ancora di più. Trionfatore pure nella finale di Aspen e con cinque podi complessivi stagionali, ha concluso per il secondo anno di fila al terzo posto nella classifica di discesa in Coppa del mondo e per il terzo anno di fila nella top-10 della generale.

PETER FILL (CARABINIERI) - Per il secondo anno di fila trionfatore della Coppa del Mondo di discesa maschile, ha confermato con la continuità di prestazioni lo storico titolo conquistato l'anno precedente. E' salito sei volte sul podio, togliendosi la soddisfazione di salire sul gradino più alto del podio nel supergigante di Kvitfjell. Ha concluso la stagione al sesto posto nella classifica generale, suo miglior piazzamento di sempre.

FEDERICO PELLEGRINO (FIAMME ORO) - L'oro conquistato nella sprint dei Mondiali di sci di fondo a Lahti ha permesso all'Italia di salire sul gradino più alto del podio nella specialità per la prima volta nella storia, esattamente un anno dopo il primo storico successo nella classifica finale della Coppa del mondo sprint, nella quale ha concluso la stagione scorsa al secondo posto grazie alla vittoria di Falun e al secondo posto di Val Mustair.

ALEXIA RUNGGALDIER (FIAMME ORO) - Rivelazione del biathlon, è salita per le prima volta in carriera sul podio in Coppa del mondo con il terzo posto nell'individuale di Anterselva, ma ha compiuto la vera impresa conquistando la medaglia di bronzo nell'individuale dei Mondiali austriaci di Hochfilzen, grazie ai quali si è piazzata al terzo posto nella graduatoria finale di specialità della sfera di cristallo.

MICHELA MOIOLI (ESERCITO) - Seconda nella classifica finale dello snowboard cross di Coppa del mondo, bronzo nella gara iridata di Sierra Nevada, quattro podi complessivi con le gemme delle vittorie a Feldberg e La Molina e mai oltre la nona posizione in sette prove. A 22 anni la bergamasca è ormai diventata il punto di riferimento della specialità e competitiva su ogni tipo di tracciato.

DOMINIK FISCHNALLER (CARABINIERI) - Doppia medaglia di bronzo nei Mondiali di Igls sia nella sprint che nella tradizionale prova del singolo dello slittino su pista artificiale, l'altoatesino ha colto due preziosi successi nelle tappe di Park City e sul circuito di PyoengChang, terminando la stagione al sesto posto nella classifica finale.

GRETA PINGGERA (AMATEURSPORTCLUB LAAS) - Per la prima volta in carriera ha conquistato il successo nella classifica generale del singolo femminile di slittino su pista naturale al termine di un'appassionante duello con Evelin Lanthaler, grazie a sette podi in altrettante competizioni, nelle quali spiccano i trionfi di Zelezniki e Nova Ponente. Non contenta si è messa al collo la medaglia d'oro nei Mondiali di Vatra Dornei.

EDOARDO FRAU (ESERCITO) - Si è imposto per la quinta volta in carriera nella Coppa del mondo di sci d'erba sfruttando nel migliore dei modi la propria esperienza e la capacità di competere al massimo livello. Quattro podi stagionali, spicca la vittoria nel gigante di Rettenbach.

VALENTINA GREGGIO (CENTRO AGONISTICO DOMOBIANCA) - Regina dello sci velocità, ha dimostrato di essere inavvicinabile per la concorrenza aggiudicandosi la terza Coppa del mondo consecutiva con sei netti trionfi in sei prove e i Mondiali, dove ha conquistato l'oro nella località svedese di Idre.

DAMIANO LENZI (ESERCITO) - Protagonista assoluto nei Mondiali di Alpago-Piancavallo con l'oro nell'individuale e nella Team race, l'argento nella vertical race e nella staffetta, a cui si aggiungono quattro podi in Coppa del mondo impreziositi dalle vittorie nella vertical race di Val d'Aran e in quella di Prato Nevoso che sono valsi il terzo posto nella classifica generale alle spalle dei compagni di squadra Robert Antonioli e Michele Boscacci.

ALBO D’ORO ATLETA DELL’ANNO FISI

1985: Maurilio De Zolt (sci di fondo)

1986: Michael Mair (sci alpino)

1987: Maurilio De Zolt (sci di fondo)

1988: Alberto Tomba (sci alpino)

1989: Manuela Di Centa (sci di fondo)

1990: Kristian Ghedina (sci alpino)

1991: Stefania Belmondo (sci di fondo)

1992: Stefania Belmondo (sci di fondo)

1993: Stefania Belmondo (sci di fondo)

1994: Manuela Di Centa (sci di fondo)

1995: Alberto Tomba (sci alpino)

1996: Manuela Di Centa (sci di fondo)

1997: Deborah Compagnoni (sci alpino)

1998: Deborah Compagnoni (sci alpino)

1999: Stefania Belmondo (sci di fondo)

2000: Kristian Ghedina (sci alpino)

2001: Isolde Kostner (sci alpino)

2002: Daniela Ceccarelli (sci alpino) e Gabriella Paruzzi (sci di fondo)

2003: Karen Putzer (sci alpino)

2004: Gabriella Paruzzi (sci di fondo)

2005: Pietro Piller Cottrer (sci di fondo)

2006: Giorgio Di Centa (sci di fondo)

2007: Manfred Moelgg (sci alpino)

2008: Denise Karbon (sci alpino)

2009: Arianna Follis (sci di fondo)

2010: Giuliano Razzoli (sci alpino)

2011: Christof Innerhofer (sci alpino)

2012: Cristian Deville (sci alpino)

2013: Christof Innerhofer (sci alpino) e Dominik Paris (sci alpino)

2014: Armin Zoeggeler (slittino)

2015: Alessandro Pittin (combinata nordica)

2016: Federico Pellegrino (sci di fondo)

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA