Lunedì 21 Ottobre, 4:58
Utenti online: 18
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Giornalista

foto di 2019 Getty Images

"La scorsa stagione non è stata così negativa, ha deciso tutto l'ultimo super-g...". Sogni e ambizioni di Tina Weirather

SuperG femminile di Rosa Khutor LIVE! Lista di partenza e azzurre in gara

A 30 anni, vuole tornare presto a vincere non solo nella "sua" specialità.

Tina Weirather è reduce da una stagione non esaltante, con tre podi e il 3° posto finale nella classifica della Coppa del Mondo di super-g, trofeo che deteneva da due stagioni consecutive e che solo una strepitosa Mikaela Shiffrin (grazie anche all'annullamento delle gare di Rosa Khutor) le ha portato via, ma più in generale la stella del Liechtenstein non è mai stata nella velocità, e soprattutto in discesa, al suo solito livello.

Parlando con i colleghi di skiweltcup.tv dopo le prime settimane di allenamento verso la nuova stagione, la nativa di Vaduz ha spiegato che “l'ultima annata non è forse stata così buona, ma in realtà solo in discesa è risultata negativa, visto che il giudizio sul rendimento è dipeso quasi esclusivamente dall'esito del super-g delle finali a Soldeu. Avessi conquistato la sfera di cristallo, credo che nessuno avrebbe parlato di brutta stagione nonostante la partenza”.

Per Tina è già cominciato il lavoro sui ghiacciai europei, continuando la collaborazione con la nazionale svizzera che ormai l'ha accolta come una connazionale: “Trascorriamo quasi la metà dell'anno insieme, è quasi come essere in famiglia. Prima di entrare in Swiss Ski, ero spesso in una piccola squadra o in una privata, ma non sarebbe stato possibile continuare molto in quel modo. Adoro vivere la concorrenza in allenamento e la spinta reciproca che ne deriva, ma anche il rapporto di amicizia che ora mi lega a tutte le persone coinvolte”.

La figlia di Hanni Wenzel e Harti Weirather non poteva che diventare una sciatrice di successo, ma... “mio fratello Herbert e io giocavamo a tennis, da piccoli. Devo dire però che odiavo combattere direttamente contro qualcuno, meglio il cronometro e la pista nello sci. Siamo solo io e la montagna”.

I programmi e gli obiettivi verso la stagione 2019/2020? Il bronzo olimpico di PyeongChang (in super-g) analizza la situazione: “L'obiettivo dell'allenamento era quello di ottenere maggior potenza e capacità anaerobica; non è stata una passeggiata, ma siamo sulla strada giusta e ho sacrificato un bel po' di tempo al kitesurf, alla mia Harley (Tina è appassionatissima di moto, ndr), al golf o qualsiasi altro hobby. Ti devi impegnare al 100% per un obiettivo e la mia vita privata ora è quasi inesistente, ma adoro quello che faccio e voglio arrivare pronta: avevamo programmato di andare in Cile, ma senza le condizioni di neve giuste, si è optato per rimanere ad allenarsi tra Saas Fee e Zermatt praticamente sino a fine estate”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA