Sabato 25 Novembre, 12:38
Utenti online: 2682
 
 

Val Thorens, Les Menuires, Méribel, Courchevel, Orelle, La Tania

I Francesi amano descrivere Les Trois Vallèes come il comprensorio sciistico collegato sci ai piedi più grande del mondo, con più 290 piste da discesa per complessivi 600 km di piste articolati in tre vallate.  Per i fondisti sono a disposizione 130 Km di tracciati.  Si estende principalmente sulle tre vallate di Val Thorens - Les Menuires, la Valle di Meribel e la Valle di Courchevel. Una decina di anni fa sono stati collegati anche alcuni impianti nella Valle di Orelle, particolamente graditi al pubblico italiano, poiché consentono l'accesso al comprensorio praticamente dall'uscita francese del tunnel del Frejus.
Si scia dai 3200 m. della Cime de Caron, sopra Val Thorens, ai 1300 m. di Courchevel Le Praz.

E' il più frequestato comprensorio francese di sport invernali e ogni inverno ci sono oltre 300000 vacanzieri di cui il 70% è straniero, soprattutto Olandesi, Inglesi e Scandinavi. Visto il successo che riscuote, talvolta occorre mettere in conto un po' di coda agli impianti.


Val Thorens
La cittadina di Val Thorens, frazione del comune di Saint Martin de Belleville, si trova a 2300 m. di altitudine e si scia fino sul ghiacciaio che la sovrasta a 3200 m.  La stazione sciistica fu aperta in occasione del Natale 1971 ed inaugurata da Joseph Fontanet, allora sindaco di Saint Martin de Belleville. 
La vegetazione è praticamente inesistente, le piste sono di solito larghe e pendenti servite da impianti moderni. La Val Thorens è collegata scia ai piedi con il comprensorio di Orelle sul versante sud-est, con Les Menuires a valle e sul versante opposto con Meribel.
Da qualche anno la stazione propone la pista di slittino più lunga di Francia (6 km, con un dislivello di 700 m), un circuito automobilistico sul ghiaccio e anche uno snowpark.
Dopo lo sci si possono fare diverse attività in motoslitta, bar, pub, discoteche e sale da gioco.

Les Menuires
Nella parte bassa della Valle di Val Thorens sorge Les Menuires, un paese costruito appositamente per il turismo invernale, al punto che una fitta rete di impianti consente di spostarsi da una parte all'altra della valle, ma anche da una parte all'altra del paese.
La maggior parte delle case e degli hotel sono sulle piste o vicini a impianti di risalita.
Il paese è raggiungibile in l'auto grazie alla strada che da Saint Martin de Belleville porta fino in Val Thorens.  Le piste sono generalmente servite da impianti veloci e moderni.
E' possibile sciare a quote comprese tra i 2780 m del Mont de La Chambre sino ai 1800 m del paese.
A Les Menuires si sono anche svolte le gare di slalom speciale durante le olimpiadi invernali di Albertiville nel 1992 sulla pista Stade.

Meribel
Meribel è una località sciistica a 1450 metri di altitudine nei pressi del comune di Moûtiers, entro il parco nazionale de la Vanoise. E' collegata con il fondovalle di Brides les Bains grazie ad una lunga telecabina.
La vallata comprende altre due frazioni, sempre collegate sci ai piedi: Meribel Mottaret (1750 m) e Meribel village (1400 m). Tutta la parte bassa del comprensorio è immersa nei boschi di conifere mentre la parte alta, in corrispondeza dei collegamenti con Les Menuires, Courchevel e St. Martin è priva di alberi, con scenari simili a quelli della Val Thorens.
Le piste sono comprese tra i 2950 m del Mont Vallon (dove partono alcune delle piste più interessanti) sino a 1400 m.  La dotazione di impianti è ottima, anche se spesso sono molto affollati.

Courchevel
Courchevel è divisa in Courchevel 1300 (Le Praz), Courchevel 1550 (il primo insediamento), Courchevel 1650 (Moriond), e Courchevel 1850, tutte frazioni denominate in base alla loro altitudine. Il punto più alto di Courchevel 1850 è tuttavia a soli 1747 metri, il nome fu infati scelto per ragioni marketing, per poter competere con i rivali della Val d'Isère.
E' stato il primo villaggio Francese ad essere completamente pensato sulla carta e non partendo da un villaggio esistente. Fu realizzato nell'immediato dopoguerra; I suoi ideatori hanno cercato di progettare una località esclusiva, che potesse competere con le più celebrate località mondane alpine.
La dotazione di impianti è buona grazie alle numerose telecabine e seggiovie. Il livello medio delle piste non è particolarmente impegnativo; i principianti possono divertirsi sul pianoro di Courchevel 1850 mentre per i più esperti apprezzeranno la zona Chanrossa e la Combe Saulire.
L'aereoporto di Courchevel è particolarmente odiato dai piloti, noto come una delle piste di atterraggio più brevi al mondo, con una lunghezza di 525 m ed una pendenza del 18.5% per aiutare il rallentamento durante l'atterraggio.