Domenica 17 Febbraio, 20:56
Utenti online: 2037
Federico Casnati
Federico Casnati

TEST: giacca da sci Goldwin G-Titan Jacket

TEST Goldwin G-Titan Jacket

La giacca G-Titan di Goldwin continua a riscontrare gli apprezzamenti degli sciatori e quindi abbiamo deciso di testarla per voi. Si tratta di un capo che ha ottenuto uno dei più importanti riconoscimenti mondiali nel settore Outdoor, ovvero l'ISPO Award lo scorso Febbraio 2017.

Gli elementi tecnici principali della giacca sono incentrati nella membrana Gore-Tex due strati e nell’imbottitura in piuma nella parte anteriore e posteriore della giacca.

Gore è leader nel settore e offre capi totalmente impermeabili e idrorepellenti grazie ad una membrana che lascia traspirare la pelle ma non fa penetrare l’acqua. La membrana due strati scelta da Goldwin coglie nel segno: l'utilizzo del completo è prettamente pistaiolo e la soluzione fa rimanere la giacca morbida e soffice al tatto.

L’insulation è affidata al sintetico per le braccia, grazie al Primaloft Kodenshi (ve ne avevamo parlato qui), mentre la parte centrale è realizzata in piuma. Questo fa si che, soprattutto sulla schiena, chi indossa la giacca G-Titan stia sempre al caldo. Il caldo è naturale e “regolato”, nel senso che si fa sentire quando ce ne è bisogno, e non riscalda eccessivamente in situazioni di caldo ambientale eccessivo.

I particolari della giacca rivelano poi l’attenzione ai dettagli e la cura maniacale del prodotto dei tecnici giapponesi. Il cappuccio che copre il casco o il cappello è in dotazione a più aziende, ma il sistema per regolarlo studiato da Goldwin è indubbiamente il più pratico e comodo. I nuovi polsini sono facili da regolare e soprattutto si richiudono come se fossero telecomandati. Le zip proteggono dall’aria e scorrono che è un piacere.

Il completo Goldwin si propone come ottima soluzione per sciatori che devono (o vogliono!) stare in pista tutto il giorno, dimenticandosi del clima esterno. In situazioni di caldo il completo offre una buona termoregolazione e traspirazione, ma è al freddo che si esprime al meglio, lasciando lo sciatore caldo e asciutto anche sotto le intemperie!

© RIPRODUZIONE RISERVATA