Mercoledì 28 Giugno, 23:07
Utenti online: 930

Cambiare pneumatici o tenere le catene in auto? Evitare sanzioni e guidare in sicurezza

Guida nella neve

Al di sotto dei 7 gradi centigradi le mescole del battistrada degli pneumatici estivi tendono a indurirsi, con la conseguenza di aumentare gli spazi di frenata e diminuire la presa sull'asfalto in curva.  Per questo motivo gli automobilisti prudenti ai primi freddi si precipitano dal gommista per sostituire gli pneumatici estivi con quelli invernali.
C'è ancora chi le chiama gomme da neve, in realtà il termine più adatto è pneumatici invernali, infatti si tratta di coperture speciali che a bassa temperatura, e con ogni condizione di fondo stradale (asciutto, pioggia o neve) assicurano una motricità ideale a vantaggio della sicurezza.

La rivoluzione degli pneumatici invernali è stata possibile grazie alla silice, che combinata con altri polimeri speciali, rende queste coperture in grado di scaldarsi prima delle normali gomme estive quando le temperature raggiungono livelli prossimi allo zero.
Inoltre la particolare configurazione a lamelle sfrutta, infatti, la proprietà "legante" dei cristalli di neve.  La gomma sulla neve scivola, mentre la neve su altra neve tende ad aggrapparsi, da qui l'idea di sagomare il battistrada con opportune lamelle, che si riempiono di neve "aggrappandosi" letteralmente al fondo stradale, la dove un liscio pneumatico "estivo" slitterebbe.
Pneumatici invernali, istruzioni per l'uso

Ma la vera rivoluzione delle coperture invernali sta nel loro livello di comfort e nelle loro prestazioni sull'asfalto asciutto.  Un tempo montare le gomme da neve significava scendere a pesanti compromessi. La velocità massima scendeva drasticamente (spesso c'erano anche pesanti limiti di omologazione) e il rumore di rotolamento invadeva l'abitacolo penalizzando il comfort di un viaggio.
Dal punto di vista legale va ricordato che secondo il codice della strada (art.122 comma 8) il segnale "catene per neve obbligatorie" deve essere usato per indicare l'obbligo di circolare a partire dal punto di impianto del segnale con catene da neve o con pneumatici da neve.
Pertanto il codice della strada equipara a tutti gli effetti l'utilizzo delle catene alle gomme da neve, dette anche pneumatici invernali o termici.
Da cosa si riconosce un pneumatico invernale? Sul fianco del pneumatico compare la marcatura M+S oppure MS, M/S, M-S, M&S: questa sigla indica le parole Mud (fango) e snow (neve). Inoltre, secondo le attuali normative, gli pneumatici invernali devono recare sul fianco il marchio d'omologazione Europeo, rappresentato da una "E" maiuscola racchiusa in un cerchio o da una "e" minuscola al centro di un rettangolo.
Speciale leggere le marcature sugli pneumatici

catene maggi

L'alternativa alle gomme invernali è rappresentata da sempre dalle catene da neve, che molti ricordano come un incubo sia perché obbligano l'automobilista a sporcarsi le mani, sia per le limitazioni che impongono nella velocità di crociera e nel comfort di bordo. I nuovi modelli di catene si sono evoluti tecnologicamente rendendone tuttavia il montaggio abbastanza agevole. Alcuni modelli si fissano solo sulla parte esterna delle ruote motrici, quasi sempre nei nuovi modelli si riesce ad evitare di infilare un braccio tra ruota e carrozzeria per l'aggancio definitivo.
Quando lo strato di neve è particolarmente alto, quando ci si deve fermare in discesa o quando si deve partire in salita  su un fondo ghiacciato non hanno rivali. Sono costituite di acciaio di grande resistenza, con uno spessore medio compreso tra i 12 e i 7 millimetri. Facilissime da montare sono le versioni rigide con l'aggancio ad uno o più bulloni della ruota. Consentono il montaggio anche su automobili sportive che diversamente non sarebbero catenabili a causa dello spazio ridotto tra il pneumatico e la vettura.
Catene da neve

 catene calzinoLe catene hanno un temibile concorrente non solo nelle gomme invernali, ma anche dei dispositivi antipattinamento che vanno sotto il nome di "catene-calzino".   Si tratta di coperture composte da tele e fili speciali, particolarmente resistenti, che si stendono sull'intera superficie del pneumatico per offrire aderenza soprattutto sui tratti ghiacciati dove è difficile restare in piedi anche per un pedone. Non sono idonei per affrontare tratti con pendenze superiori al 10%. Questi dispositivi, non essendo omologati, non sostituiscono le catene dove ne sia previsto l'obbligo.
Calze da neve e gomme spray: le alternative a catene e pneumatici