Giovedì 19 Ottobre, 14:54
Utenti online: 973
Martina Dardanelli
Martina Dardanelli

foto di Michele Dardanelli

David Kubacki imbattibile nel SGP: sua anche la vittoria di Courchevel

David Kubacki imbattibile nel SGP: sua anche la vittoria di Courchevel

Quest’oggi è andata in scena la terza competizione individuale valevole per il Summer Grand Prix 2017. L’esito è stato analogo a quello delle prime due gare, ovvero Dawid Kubacki è uscito trionfatore.

Il polacco ha confermato l’eccellente stato di forma, imponendosi in entrambe le manche e chiudendo con 8.2 lunghezze sul secondo classificato. Questo solco è stato scavato soprattutto nel corso del primo segmento di gara, dove l’atleta di Zakopane ha raggiunto 133.5m venendo premiato dai giudici con ottime valutazioni. Nel momento decisivo ha avuto la meglio sulle condizioni di vento davvero sfavorevoli (oltre 1 m/s alle spalle) andando a toccare 127m.

Piazza d’onore per il compagno di squadra Maciej Kot, che porta così il team mitteleuropeo alla seconda doppietta estiva. L’atleta classe 1991 ha fatto segnare la seconda prestazione in entrambi i segmenti di gara, ma nulla è valso ad impensierire il leader del SGP.

Sul terzo gradino del podio sono saliti a pari merito Denis Kornilov e Roman Koudelka. Il russo ha sfoderato una prima manche maiuscola, atterrando a 130.5 e realizzando il terzo punteggio. Nella seconda parte di gara si è difeso dalla rimonta del ceco, che lo ha infine appaiato. Per l'atleta di Nižnij Novgorod si tratta del secondo podio in carriera in una gara di primo livello, ottenuto ben 8 anni dopo il primo. Il boemo invece mancava il podio estivo dal 2014.

Quinta piazza per Stephan Leyhe, autore della miglior misura nel segmento conclusivo, dove però ha trovato vento meno sfavorevole rispetto ai diretti rivali. Sesto Piotr Zyla, autore di una grande rimonda dalla 15^ posizione di metà gara. Il polacco ha sopravanzato di pochi decimi Robert Johansson 7° e Manuel Fettner 8°.

La Polonia si conferma sicuramente la nazione più in forma, essendo riuscita a piazzare ben 4 atleti nella top 10. Infatti, oltre ai sopracitati, Stefan Hula ha concluso 9°. Stafan Kraft ha chiuso la top 10, confermando l’impressione già data ad Hinterzarten di non aver ancora raggiunto il massimo del proprio potenziale.

Prestazione superlativa per il team azzurro, con Davide Bresadola 12° e Sebastian Colloredo 14°. Il trentino ha sfruttato al meglio le condizioni favorevoli incontrate nella prima parte di gara, raggiungendo 131.5m, per poi riconfermarsi in quella decisiva. Il friulano, 26° a metà gara, ma con un ottimo secondo salto è riuscito a rimontare ben 12 posizioni. Ottimo risultato anche in ottica World Ranking List, dove attualmente entrambi gli atleti sono nelle prime 55 posizioni. Se dopo il doppio appuntamento di Hakuba gli azzurri dovessero confermare questo piazzamento, l’Italia potrà schierare ben 4 atleti a partire dalle competizioni di settembre.

Il miglior sloveno dell’appuntamento transalpino è risultato essere sorprendentemente il diciannovenne Ziga Jelar 13°. Infatti Anze Lanisek, 16°, non ha confermato il risultato della qualificazione della mattinata, dove si era imposto con margine.

Da rimarcare la prestazione in chiaroscuro di Simon Ammann, atterrato a 132.5m nella prima parte di gara, dove però basse valutazioni dei giudici a causa del solito telemark mancato lo avevano posto solo 8°. Nella manche decisiva invece ha trovato un salto negativo, complice anche il maggior vento alle spalle trovato rispetto agli avversari.

Esclusi eccellenti dalla seconda serie l’austriaco Michael Hayböck, il beniamino del pubblico Vincent Descombes Sevoie e i norvegesi Andreas Stjernen e Anders Fannemel. Per l’atleta dell’Alta Austria e per il più anziano scandinavo si trattava dell’esordio stagionale, dove però si sono presentati ancora un po’ in ritardo di condizione.

La classifica del Summer Grand Prix vede in testa a punteggio pieno Kubacki (300), seguito a debita distanza da Kot (210) e Leyhe (154).

Prossimo appuntamento con il SGP maschile previsto nella terra del Sol Levante,  dove ad Hakuba a partire dal 25 agosto andrà in scena la qualificazione seguita da due competizioni individuali.

COURCHEVEL HS 135

1. KUBACKI Dawid (POL) 274.2
2. KOT Maciej (POL) 266.0
3. KOUDELKA Roman (CZE) 262.4
3. KORNILOV Denis (RUS) 262.4
5. LEYHE Staphan (GER) 240.6
6. ZYLA Piotr (POL) 255.4
7. JOHANSSON Robert (NOR) 255.3
8. FETTNER Manuel (AUT) 255.0
9. HULA Stefan (POL) 243.9
10. KRAFT Stefan (AUT) 254.0

Clicca qui per i risultati completi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA